Archeologia a Tivoli – le principali attrattive

Di , scritto il 04 Luglio 2011

In genere, quando si pensa alla storia antica di Tivoli, il pensiero corre subito alla magnifica Villa Adriana, che in realtà è ubicata in una frazione più bassa del comune laziale. La magnifica villa fu poi realizzata dall’imperatore Adriano in un momento di reale splendore dell’impero romano. Però le vicende di Tibur Superbum sono più consistenti e remote, i suoi rapporti con la vicina Roma abbastanza articolati.

L’antica Tibur a un certo punto della sua storia divenne un po’ il luogo di riunione di diverse genti della zona anche perché qui erano ubicati alcuni templi dedicati a Ercole e altre divinità dell’epoca. E probabilmente si erano immaginate delle correlazioni fra la situazione ambientale della zona (particolarmente fortunata perché ricca di acque) e alcuni di questi dèi pagani.

Gli scontri con Roma risalgono al 338 a.C.. Dopo tale data Tivoli – pur mantenendo una qualche autonomia – entrò pienamente nell’orbita della crescente potenza romana.

Già ben prima della citata costruzione di Villa Adriana, vari facoltosi uomini romani si costruirono delle ville in zona e il centro abitato ebbe qualche sviluppo. Le evidenze archeologiche non sono quindi poche.
Nell’ambito della bella e spettacolare Villa Gregoriana, in particolare, vanno segnalati i resti dell’acropoli con alcuni bei templi (come il Tempio di Vesta, nella foto in alto) e qualche residuo della villa di Manlio Vopisco. Nel centro medievale di Tivoli si trovano la cosiddetta Mensa ponderaria e altre memorie. Un pochino distanziati dal centro sono invece l’anfiteatro di Bleso, il citato santuario di Ercole, resti di altre ville romane e di alcuni interessanti monumenti funebri.

Nei musei romani e vaticani sono comunque numerosi reperti e statue che provengono talora da scavi effettuati nella zona di Tivoli fra il Settecento e l’Ottocento. E non va dimenticato che il cardinale Ippolito II d’Este era sicuramente affascinato anche dal contesto storico di Tivoli quando alla fine del XVI secolo decise di regalarsi la bellissima Villa d’Este con tutte le sue note fontane. Forse per imitare le bellissime cose che diversi secoli prima si era costruito l’imperatore Adriano, a cominciare dallo scenografico cosiddetto Teatro marittimo che ammirate nella foto qui a lato.

alpav

Per approfondimenti:
Tivoli
Villa Adriana

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009