L’Oasi La Vela a Taranto

Di , scritto il 03 Febbraio 2011

Nel bellissimo scenario del Circummarpiccolo di Taranto, a 8 km dalla città capoluogo di provincia, si estende l’Oasi palude La Vela, zona umida all’interno della Riserva Regionale pugliese, che occupa una superficie complessiva di 116 ettari.

Gestita dalla sezione regionale Puglia del WWF Italia, in collaborazione con il comune di Taranto, la palude è stata dichiarata zona protetta nel 2006.

La zona umida è caratterizzata da rigogliosa macchia mediterranea e fitti canneti. Con le imbarcazioni del pescaturismo i visitatori vengono accompagnati sul Mar Piccolo per vedere da vicino le sorgenti sottomarine di acqua dolce chiamate citri.

Tra i vari ambienti che arricchiscono la riserva ci sono la palude, ricoperta da canneto, salsola e salicornia e la pineta di pini d’Aleppo.

Cavalieri d’Italia, aironi, avocette e falchi pescatori sono solo alcune delle specie animali sia stanziali che migratorie che popolano l’area. Nella riserva viene effettuata attività di salvaguardia dell’ambiente e sorveglianza antibracconaggio ed essa è aperta al mondo della scuola per attività didattiche.


1 commento su “L’Oasi La Vela a Taranto”
  1. […] già parlato a suo tempo del Museo archeologico nazionale (MARTA) e dell’Oasi La Vela, due attrattive importanti per chi vuole fare un viaggio nel passato o nella […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009