Viareggio: tra carnevale, palazzi Liberty, spiagge e locali

Di

Carnevale di Viareggio

All’inizio dell’anno Viareggio è la città del carnevale per antonomasia. Ogni anno è una festa in grandissimo stile: una sorta di riassunto in cartapesta di quanto è avvenuto o sta avvenendo nel mondo. Eventi belli e brutti, allegri o mesti, ha poca importanza: tutto viene registrato nelle sfilate di un carnevale che è scherzo e riflessione a un tempo. Così ogni anni sfilano sui celeberrimi carri mastodontici pupazzi di cartapesta in movimento che rappresentano personaggi famosi e famosissimi: sono opera di grande perizia artigianale che vede la luce nella Cittadella del Carnevale. Non solo a febbraio, ma in ogni periodo dell’anno vale la pena di visitare il Museo della Cittadella del Carnevale, che contiene un ricordo dei carri più belli presentati a partire dal 1873.

Nei mesi più caldi Viareggio è invece molto amata per le sue splendide spiagge dorate. Molti degli attuali stabilimenti sul lungomare furono costruiti tra il 1900 e il 1930, quando questa città della Versilia era una dei luoghi di villeggiatura più chic d’Europa. A quei tempi orde di inglesi, tedeschi e russi trovavano qui aria buona, sole caldo e acque azzurre per ritemprarsi nel fisico e nell’animo. Del resto, da queste parti il clima è mite tutto l’anno: chi resiste al fascino della Versilia?

Quella era la Belle époque, periodo frizzante a livello sociale e di grande fioritura artistica. E l’architettura di Viareggio è tuttora nettamente improntata allo stile liberty di quegli anni. Particolarmente suggestiva la Passeggiata Regina Margherita, che va dal canale Burlamacca ai Bagni Principe di Piemonte. Altrettanto notevoli le linee classicheggianti del cinema Savoia, i legni fregiati dello Chalet Martini, il Teatro Eden e i Magazzini Duilio 48, con la loro splendida insegna Art Decò, le cupole a scaglie variopinte dei Padiglioni Martinelli e Bertuccelli, la cupola del Gran Caffè Margherita (nella foto qui sotto), luogo molto caro a Giacomo Puccini. E poi è tutta una sfilata di hotel di lusso (Royal, Excelsior, Imperiale, Principe di Piemonte), palazzi eleganti, ville immerse nel verde.

A Viareggio la vita notturna estiva è ruggente, come se qui la Belle époque non fosse mai finita. La Versilia è l’ideale per una vacanza completa, poiché permette di alternare tranquille biciclettate a bagni di sole e di mare a notti spensierate nei locali modaioli. Prendete in considerazione Viareggio se pensate di trascorrere l’estate in Toscana!

Da non trascurare neppure gli importanti appuntamenti culturali nel corso dell’anno: il festival EuropaCinema ad aprile, il Premio letterario Viareggio Repaci a giugno, mentre a luglio e agosto si svolge il Festival Puccini nel teatro all’aperto nella vicina Torre del Lago Puccini.

Infine, se andate a Viareggio anche solo per un giorno, approfittatene per gustare qualche piatto speciale a base di pesce come la variante viareggina del cacciucco, le triglie con le fave o un bel risotto al nero di seppia, o anche un semplice piatto di spaghetti alle vongole. Anche questo rappresenta bene il savoir-vivre viareggino.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009