Kizhi Pogost: il migliore esempio di architettura russa in legno

Di , scritto il 26 Marzo 2013

Tutte le navi che intraprendono la crociera da Mosca a San Pietroburgo, attraversano la Carelia e fanno tappa sull’isola di Kizhi (il nome può anche essere scritto Kiži, oppure in russo Kizhi Pogost), sul lago Onega. Tutto questo soltanto nel periodo che va da aprile a settembre, perché per il resto dell’anno il ghiaccio impedisce la navigazione.

Come potete vedere nella foto, si tratta di una meta veramente suggestiva, che rimane indelebile nel ricordo dei visitatori. Non a caso è inclusa nel nonché patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Sull’isola si trova un gruppo di magnifiche chiese in legno, cappelle e case in legno, tra le quali spicca il complesso costituito da due chiese separate da una torre campanaria – uno dei più eccezionali esempio di architettura russa. In particolare, la chiesa della Trasfigurazione, risalente al 1714, è costituita da una struttura lignea senza assoluto uso di chiodi o altre giunzioni metalliche. Possiede ventidue cupole – che costituiscono la prova tangibile dell’abilità dei carpentieri russi – e una bella iconostasi di stile barocco. Con la stessa tecnica fu costruita la vicina chiesa dell’Intercessione nel 1764, mentre l’imponente campanile ottagonale risale al 1862. I tre edifici colpiscono per la loro posizione armoniosa all’interno del paesaggio e documentano meglio di qualsiasi manuale di ingegneria lo sviluppo dell’architettura russa in legno nei secoli



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009