L’arcipelago della Maddalena, ideale per una vacanza in barca

Di , scritto il 25 Maggio 2012

Il Parco Naturale dell’arcipelago della Maddalena è un vero e proprio paradiso terrestre. Siamo nel nord della Sardegna, in provincia di Olbia-Tempio, in un luogo di inestimabile bellezza naturale. L’arcipelago della Maddalena è composto da sette isole principali (La Maddalena, Caprera, Spargi, Santo Stefano, Budelli, Santa Maria e Razzoli) e da vari isolotti di rocce granitiche erosi in maniera suggestiva dagli agenti atmosferici nel corso dei millenni e circondati da acque cristalline. L’isola de La Maddalena è la più grande delle sette, con ben 11.000 abitanti, ed è anche l’unica abitata. Nel centro abitato un punto nevralgico è costituito dalla Piazza del Comando, su cui si affaccia il palazzetto dell’Ammiragliato. Il mezzo ideale per visitare l’isola è la bicicletta. Dalla zona alta, su cui sorge quello che una volta era il Forte Sant’Andrea, si scende rapidamente nella piazza Garibaldi, dalla tipica pavimentazione rossa, per poi passare al porto peschereccio di Cala Gavetta, circondato da palazzi del 700 e dalla chiesa barocca di Santa Maria Maddalena. Sempre in bicicletta, è possibile percorrere ben 21 chilometri di strada panoramica dell’isola, toccandone tutti i versanti e anche il Forte esagonale di San Vittorio. Da La Maddalena percorrendo il Lungomare Mirabello in direzione del borgo Moneta si raggiunge in cinque minuti d’auto il ponte che collega l’isola a Caprera di cui abbiamo già parlato diffusamente.

L’isola di Santo Stefano e il suo Forte di napoleonica memoria (da qui il Bonaparte tentò inutilmente di bombardare La Maddalena nel 1793) si vedono bene dal traghetto che porta dal porto di Palau (in provincia di Sassari) alla Maddalena. Per visitare le altre quattro isole, invece, il modo migliore per resta sicuramente la barca, che permette di vedere insenature e lidi inaccessibili con altri mezzi. Le proposte turistiche migliori per conoscere l’arcipelago sono l’affitto di barche a vela per una o più settimane oppure delle combinazioni casa + barca a vela gestita da skipper per costeggiare le isole. Ci sarà così modo di vedere spettacoli di inestimabile bellezza: ad esempio, Cala Granara è una delle calette più belle dell’isola di Spargi – peraltro molto ricca di sabbia bianca. E poi la famosa Spiaggia Rosa di Budelli, invidiataci da tutto il mondo (ma vietata ai bagnanti) e altre spiagge dai suggestivi nomi di Tahiti, Cala Napoletana, Cala Corsara – che sembrano tutte perle di una meravigliosa collana. Sull’isola di Santa Maria si noterà una vegetazione particolarmente rigogliosa, mentre sull’isola di Razzoli si può sbarcare solo nel lato occidentale, perché la costa orientale è troppo ripida.


1 commento su “L’arcipelago della Maddalena, ideale per una vacanza in barca”
  1. […] * Tornando sulla strada statale 125 in direzione di Arzachena, un chilometro circa dopo la fine del centro abitato di Palau, bisogna imboccare una traversa sulla destra che percorre una strada tortuosa abbarbicata su una collina molto panoramica da cui si gode di un’incantevole veduta sull’arcipelago de la Maddalena. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009