Visita alla cattedrale di Canterbury, una delle più sontuose d’Inghilterra

Di , scritto il 24 Giugno 2014

cattedrale di CanterburyTra gli edifici più belli del Regno Unito, non a caso iscritta nel Patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO, si trova sicuramente la cattedrale di Canterbury. Ci troviamo nella contea del Kent, nell’Inghilterra sudorientale in un edificio che non ha soltanto importanza artistica, ma che è una sorta di sede ufficiale per la comunità religiosa anglicana. Del resto, l’antica cittadina di Canterbury, ricopre da sempre un ruolo di fondamentale importanza nella storia della chiesa inglese. Già nel 597, sant’Agostino di Canterbury, colui che convertì i britanni al cristianesimo, vi fondò un’abbazia di benedettini che divenne il centro del vescovado di Canterbury.

Nella cattedrale, iniziata nel 1070 come edificio normanno, nel 1070 fu poi assassinato l’arcivescovo Thomas Becket da cavalieri fedeli al re Enrico II Plantageneto, “colpevole” di non aver firmato l’Assise di Clarendon con cui il sovrano si arrogava il potere sulla chiesa d’Inghilterra. Thomas Becket fu seppellito nella cattedrale e canonizzato tre anni più tardi. La chiesa divenne da quel momento in poi un santuario mèta di grandi pellegrinaggi. Proprio a Canterbury erano diretti i personaggi che raccontano le loro storie ne I racconti di Canterbury, capolavoro di Geoffrey Chaucer, considerato da molti il padre della lingua inglese (li scrisse nel XIV secolo).

Distrutta da un incendio, iniziò la sua ricostruzione a partire dal 1157, me diverse variazioni al progetto furono apportate fino al XV secolo. Oggi infatti l’edificio rispecchia molti stili: coesistono elementi romanici, elementi del gotico francese e altri del gotico primitivo inglese (ornato) e del gotico perpendicolare più tardo. La massiccia torre che sovrasta la cattedrale fu costruita nel XIV secolo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009