Che cosa vedere nei dintorni di Sassari

Di , scritto il 18 Giugno 2014

Osilo SassariDi recente abbiamo visitato Sassari, ripromettendoci di tornare in Sardegna per proseguire il discorso con la provincia. Fra l’aroma della macchia mediterranea e dei boschi montani, le attrattive non mancano.

La prima è sicuramente costituita dalla spiaggia di Platamona, a pochi chilometri dal capoluogo, nel comune di Sorso. E’ una spiaggia lunghissima: quasi 15 chilometri di sabbia bianca e conchiglie portate dalle onde. E poi dune, alte fino a 20 metri, con stagno, pineta e foreste di eucalipti. Siamo all’interno del Golfo dell’Asinara, tra Marina di Sorso e la torre di Abbacurrente. Questa è la spiaggia dei sassaresi, di recente scoperta anche dai forestieri. A Sorso si trovano anche altre attrattive interessanti dal punto di vista archeologico: vari siti archeologici di ogni epoca fra cui Domus de Janas in località L’Abbiu. E poi i nuraghi sul monte Cau e il complesso bizantino di Santa Filitica (risalente al VI-IX secolo). E anche le tracce del villaggio medievale di Geridu nei pressi della grotta di Sant’Andrea. Nella cittadina, il Palazzo Baronale e la chiesa Noli me tollere, dalla caratteristica facciata in cui si alternano lastre di marmo scuro di lastre di travertino.

Osilo (nella foto) è un comune situato sul ripido pendio di un colle sulla cui punta rocciosa dominano i ruderi del duecentesco Castello Malaspina. Il paese offre anche al visitatore la chiesa parrocchiale dell’Immacolata Concezione, risalente al XVIII secolo e la chiesa settecentesca del Rosario, con un elegante portico. Oltre a ciò, una magnifica vista sulle colline dell’Anglona, sulle Bocche di Bonifacio e la Corsica.

Sènnori è un grosso paese vivace e digradante su un brullo piano inclinato, ai confini di ricchi frutteti e vigne. Nella parte alta della cittadina sorge la chiesa parrocchiale di San Basilio, al cui interno vi è una grande pala di un maestro cinquecentesco della scuola cagliaritana.

Ploaghe è un paese di piccole case bianche situate sul pendio di un vulcano spento. Forse è di origine precartaginese. Percorrendo la via principale si arriva alla Parrocchiale, che conserva un interessante coro ligneo del 600. All’interno della Chiesa di San Pietro Apostolo è invece collocata la Quadreria Spano, che raccoglie pregevoli dipinti dal 300 all’800. Notevole la Sacra Famiglia del Maestro di Ozieri.

Ittiri, a una ventina di chilometri da Sassari, offre una bella chiesa parrocchiale quattrocentesca (dedicata a San Pietro in Vincoli) e la chiesetta di Santa Croce – che hanno entrambe un pregevole altare ligneo. Da vedere anche i resti della chiesa cistercense di Santa Maria di Coros.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009