Il Campanile di San Marco a Venezia, tra storia e tradizioni

Di , scritto il 13 Luglio 2011

In passato utilizzato come punto d’avvistamento e faro, il Campanile di S. Marco a Venezia resta uno dei più celebri monumenti della storia italiana. La sua è una lunga storia: costruito da preesistenti fondazioni romane nel IX secolo, a più riprese, il Campanile assunse, dopo molti restauri e rifacimenti, l’aspetto definitivo fra il 1511 e il 1514. Il modello attuale è stato costruito dopo il crollo del 1902 e inaugurato il 25 aprile 1912.

In cima al Campanile, a circa 100 metri d’altezza, si trova la statua dorata dell’Arcangelo Gabriele, realizzata da Luigi Zandomeneghi, con funzione di segnavento.

Il campanile è una delle strutture più visitate di Venezia: dall’alto la vista è fantastica, è possibile ammirare gran parte della Laguna, l’isola di San Giorgio, Sacca Sessola e altre isolette minori.

Il Campanile è dotato di 5 campane: la Marangona, dal peso di 3 tonnellate e dal diametro di quasi 2 metri è la più grande e l’unica ad essersi salvata dal crollo del 1902, segnava l’inizio e la fine dell’orario di lavoro. La Nona segna invece mezzogiorno, la Trottiera, la mezza Terza che annunciava le riunioni dei Pregadi, membri del Senato della Serenissima e la Ringhiera, anche chiamata campana del Maleficio, i cui rintocchi indicavano l’inizio di un’esecuzione capitale.

Fino al 1872, anno in cui vennero chiuse e abbattute per ordine comunale, un gran numero di persone si riunivano quotidianamente a bever un’ombra, cioè a gustarsi un bicchiere di vino, nelle numerose osterie presenti ai piedi del Campanile.

Nella domenica di apertura del Carnevale si può assistere al “volo dell’angelo“, in cui una ragazza vestita di bianco si cala dal Campanile legata a una fune per poi arrivare fino a terra. Questa ricorrenza attira nel capoluogo veneto centinaia di migliaia di turisti, pronti a scattare una foto alle maschere più belle presenti in Piazza San Marco ed è un’esperienza indimenticabile per entrambe le parti.

Marco Zanus

Mascherine in pronta consegna

2 commenti su “Il Campanile di San Marco a Venezia, tra storia e tradizioni”
  1. […] situata in Piazza S. Marco dove troviamo la sontuosa Basilica di San Marco, il Palazzo Ducale e il Campanile di San Marco, la Biblioteca Marciana e i numerosi caffè […]

  2. […] costituisce le fondamenta dell’isola. Infatti, in Piazza, l’unica costruzione verticale è il Campanile di San Marco, dall’alto del quale è possibile ammirare un paesaggio davvero […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009