Un itinerario sulle tracce degli etruschi in Toscana

Di , scritto il 12 Luglio 2010

L’antico popolo degli Etruschi si stanziò su un vasto territorio che copriva l’odierna Toscana, l’Umbria e il Lazio settentrionale con qualche propaggine in Campania e nell’Emilia. Abbiamo già parlato della splendida Volterra e di Tarquinia, che con Cerveteri costituisce il più importante centro della civiltà etrusca nel Lazio.

Oggi vi proponiamo un itinerario in Toscana che copre i più importanti siti archeologici di questo popolo dalle origini misteriose, forte nella navigazione e nelle armi, con una società costituita in clan e in città-stato. In tutta la Toscana si trovano necropoli colme di reperti che hanno rivelato molto sulle abitudini di vita, gli usi, i costumi e l’evolversi dell’arte presso gli Etruschi. Questi sono i principali siti archeologici:

Populonia (nei pressi di Piombino, in provincia di Livorno): l’attuale borgo che domina in posizione panoramica il golfo di Baratti risale al 1300. A est del poggio si trovano alcune necropoli etrusche a forma di tumuli (nella foto) che risalgono a un periodo che va dal VII al I secolo a.C. Nel sito dell’acropoli, cinto da mura ancora visibili, è stato rinvenuto un tempio del II secolo a.C.

Chiusi (in provincia di Siena): il nucleo antico della cittadina si trova nei pressi del Duomo. Nel museo della Cattedrale si trova l’accesso al Labirinto di Porsenna, un percorso sotterraneo di 100 metri di cunicoli sotto l’abitato antico: era un ingegnoso sistema di approvvigionamento idrico scavato nell’arenaria a 25 metri di profondità con cisterne e bacini per raccogliere l’acqua. Importante il Museo archeologico nazionale che contiene tra l’altro il sarcofago Sentinate Larcna del III secolo a.C., rinvenuto nella Tomba della Pellegrina. Altre tombe importanti nella zona sono la Tomba del Leone e la Tomba della Scimmia, del 470, un capolavoro della pittura etrusca.

Vetulonia (in provincia di Grosseto): prima di raggiungere il paese si incontra una necropoli composta da sepolture monumentali, come il tumulo della Pletrera, costituito da due tombe sovrapposte, e la tomba del Diavolino. Salendo ancora si trovano abitazioni del II e I secolo a.C. e un museo civico. Sulla sommità del colle si possono osservare le mura del VI secolo che racchiudevano l’acropoli etrusca.

Roselle (sempre in provincia di Grosseto): un parco archeologico situato su un’altura, dove l’antica città è stata riportata alla luce. Il complesso era circondato da mura lunghe più di tre chilometri, con enormi blocchi di pietra. Sulla parte più alta della collina si trova l’anfiteatro, ai cui piedi sorgevano il foro, gli edifici pubblici e privati. La strada lastricata di accesso alla città è visibile e percorribile, circondata da querce e ulivi.

Pitigliano, Sorano, Sovana (ancora in provincia di Grosseto): l’attrazione del periodo etrusco è costituita dalle suggestive Vie Cave, una sorprendente rete viaria ancora percorribile che collegava insediamenti e necropoli nell’area compresa tra i tre comuni. Stretti corridoi costeggiati da ripide pareti rocciose di tufo, a tratti alte oltre venti metri. Le più note sono la Via Cava di San Giuseppe e di Fratenuti a Pitigliano, Il Cavone a Sovana e la Via Cava di San Rocco Sorano.

Gonfienti (una frazione di Prato): qui è avvenuta l’ultima straordinaria scoperta, nel recente 1996 – anche se nel lontano 1735 da questa era stata rinvenuta una statuetta votiva in bronzo di squisita bellezza detta L’offerente, ora conservata al British Museum di Londra. Questa è una grande città etrusca risalente al VI-V secolo a.C. e venuta alla luce per puro caso. Si tratta di una delle più grandi acropoli mai scoperte, collegata alla città gemella, l’antica Misa (attuale Marzabotto, in provincia di Bologna). Fu per duecento anni un importante centro commerciale dell’Etruria. Purtroppo il sito non è ancora accessibile al pubblico.

Infine, non possiamo trascurare i numerosi musei toscani riguardanti la civiltà etrusca: il Museo Archeologico Nazionale di Firenze (dove si trova la celeberrima Chimera di Arezzo) il Museo Archeologico di Fiesole, il MAEC di Cortona e soprattutto il Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, nel quale è conservata una statuetta che da sola vale il viaggio: un bronzo di 57 centimetri di altezza, che rappresenta una figura giovane nuda e allungata. Si chiama Ombra della sera, ed è di una modernità straordinaria.


2 commenti su “Un itinerario sulle tracce degli etruschi in Toscana”
  1. […] il punto di partenza ideale per visitare interessanti siti archeologici etruschi e romani come Roselle, Vetulonia e Populonia, e splendide riserve naturali come il Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano, il Parco della […]

  2. […] La Maremma è una regione che stimola i sensi e la mente e offre moltissimo: strade del vino, siti archeologici etruschi, sentieri dei briganti, percorsi di trekking a cavallo, uscite in mare con i pescatori. Il suo nome […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009