Traghetti Bari-Dubrovnik: cinque motivi per visitare la Croazia

Di , scritto il 09 Luglio 2012

Hai sempre voluto visitare la Croazia ma non hai mai prenotato la tua vacanza? Ecco cinque motivi per convincerti a partire.

Le principali città croate

Lungo la costa croata è possibile visitare alcune località veramente incantevoli tra le quali sono imperdibili:

Zagabria, città vivace e con un centro storico che presenta il giusto mix tra nuovo e antico. La capitale è un po’ isolata geograficamente ma non potete mancare di visitare la Chiesa di San Marco, la cattedrale gotica, il Museo delle Arti e dei Mestieri ed il Museo Mimara.

Dubrovnik, caratteristica e attrattiva, città marinara e patrimonio tutelato dall’Unesco, l’antica Ragusa è raggiungibile direttamente dall’Italia coi traghetti. Dubrovnik è famosa principalmente per la sua fortezza e per la meravigliosa città vecchia, ricca di punti di interesse.

Spalato è uno dei porti più affascinanti dell’Adriatico e offre la possibilità di visitare il famoso Palazzo di Diocleziano, il Museo Archeologico e numerose altre attrazioni turistiche. Anch’essa Patrimonio dell’Umanità Unesco, ha un’atmosfera unica e coinvolgente.

Sebenico, situata nelle vicinanze del Parco Nazionale del Krka è una piccola cittadina dall’affascinante centro storico e dal romantico lungomare. E’ spesso meta di VIP che “parcheggiano” lussuosi yacht nel porto cittadino. La sua cattedrale rinascimentale è la più grande chiesa costruita interamente in pietra d’Occidente.

Le bellezze naturali della Croazia

Oltre alle città, la Croazia non manca certo di bellezze naturali nelle quali potersi immergere, tra verde della fauna e azzurro del mare, parchi protetti e patrimoni dell’umanità.

Spiaggia di Zlatni ratZlatni rat è tra i luoghi più famosi della Croazia grazie alla sua spiaggia formata da sassolini fini e dorati;

– La Grotta Azzurra dell’Isola di Hvar;

L’Isola di Cherso, che nella sua pace e tranquillità ospita una famosa colonia di grifoni;

– Il Parco Nazionale delle Isole Kornati, arcipelago formato da 90 isolette disabitate che creano un paesaggio lunare, suggestivo e affascinante;

– Il Parco Nazionale di Risnjak e quello di Mljet, dove perdersi tra le bellezze delle montagne Gorski Kotar o nell’isola incontaminata di Mljet.

La cucina croata

Quella croata è una cucina ricca e completa che unisce le tradizioni culinarie mediterranee a quelle dell’Europa Centrale ed occidentale. Le prelibatezze che non dovete perdervi sono:

– Il burek, uno dei principali piatti croati con  pasta ripiena con formaggio e carne o miele;

– I cevapcici, spiedini di carne di mano o maiale conditi con cipolla e pane;

– Tra i dessert, le placinke, ovvero crêpes ripiene con noci o cioccolato, spesso accompagnate a un gelato.

Gli eventi e la vita mondana in Croazia

Specialmente durante il periodo estivo non potete perdervi le splendide feste sulla spiaggia e nelle principali località turistiche. Musica fino a tarda notte e festival che possono protrarsi per giorni consecutivi garantiscono balli, intense emozioni e  momenti di puro divertimento, il tutto nell’indimenticabile cornice delle più belle località del litorale croato.

Amatori Vacanze e Traghetti garantisce viaggi frequenti e vantaggiosi verso la Croazia in ogni periodo dell’anno e come Tour Operator Amatori (http://traghetti.amatori.com)  offre una vasta scelta di sistemazioni.  Ricevere informazioni dettagliate sui traghetti Dubrovnik potrebbe essere il primo passo per scoprire, o riscoprire, una delle terre più incantevoli e suggestive del Mediterraneo.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Traghetti Bari-Dubrovnik: cinque motivi per visitare la Croazia”
  1. Tiziana ha detto:

    La Croazia è una forte tentazione. Grazie per le info.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009