Anacapri: l’altro volto dell’isola di Capri

Di , scritto il 08 Febbraio 2011

Anacapri è un piccolo comune sull’isola di Capri, luogo ideale per romantiche passeggiate e godere di fenomenali paesaggi marini. Anacapri è un po’ l’altra faccia dell’isola di Capri, da cui si differenzia con orgoglio, opponendo alla mondanità e all’esuberanza della famosa Piazzetta caprese, la sua semplicità e i ritmi rilassanti che contraddistinguono il borgo.

Novecento scalini dividono queste incantevoli località. È la Scala Fenicia, di epoca precedente alla colonizzazione greca dell’isola.

Anacapri offre diversi itinerari in mezzo al verde, di grande suggestione lungo la strada che risale ai tempi dei Romani, fatta costruire per collegare Capodimonte al belvedere della Migliera dove sono stati ritrovati resti di età imperiale. Il percorso si snoda tra le pendici del Monte Solaro, dove si susseguono gli orti e i vigneti delle case del paese, in un paesaggio incantevole, che accompagna il visitatore fino al belvedere, da cui si gode di una superba vista su Punta Carena. Seguendo un sentiero, si giunge ad un secondo belvedere, che offre invece una spettacolare veduta sulla costa meridionale dell’isola, e sui famosi Faraglioni che si stagliano in lontananza sul mare.

Sul versante nord-orientale di Anacapri si trova Villa San Michele. Nel suo giardino, sono visibili i resti di un’antica dimora imperiale romana. L’architettura della villa, riflette un gusto decisamente romantico e simbolista. Nel giardino si ammirano una grande varietà di piante, rigogliosi esempi di macchia mediterranea, che in tutta l’isola trova il suo ambiente ideale, in un’esplosione di colori vivacissimi.

Poi c’è Villa Damecuta, il cui scavo ha portato al recupero di frammenti di colonne di purissimo marmo greco, che testimoniano la fastosità della costruzione, che al tempo era ricca di pavimenti di marmo, stucchi, pregiate decorazioni e pregevoli opere d’arte.

Tre fortini collegano la Grotta Azzurra con la Punta Carena: Orrico, Campiello e Pino, ai quali va aggiunto il piccolo fortino detto “il Cannone”, vicino la splendida cala di Tombosiello. Costruiti dagli inglesi, furono poi ampliati dai francesi, quando presero Capri.

Sul promontorio di Punta Carena, si trova il faro di Anacapri, secondo in Italia per importanza e potenza di illuminazione. La costa frastagliata, accarezzata dalla ricca vegetazione della pineta, che si affaccia su una piccola baia naturale, le Grotte dei Caciocavalli, e la Torre della Guardia, ne fanno la zona forse più suggestiva dell’isola.

Tanti gli hotel in cui soggiornare per vivere la bellezza di questi luoghi, abbracciati dal sole, che al tramonto regala uno spettacolo di gran fascino.

Ciro


1 commento su “Anacapri: l’altro volto dell’isola di Capri”
  1. […] Anacapri: è il luogo ideale dove trovare un hotel, perché si tratta di un centro più tranquillo di Capri […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009