Le cascate dell’Iguazú, spettacolo indimenticabile tra Argentina e Brasile

Di , scritto il 07 Settembre 2012

In America Latina sono molti gli immensi fiumi che dirompono in imponenti cascate, ma le cascate dell’Iguazú (in portoghese Cataratas do Iguaçu) regalano ai milioni di turisti che le ammirano ogni anno un’emozione indimenticabile. Sono generate dall’omonimo fiume al confine tra lo stato brasiliano di Paraná e la provincia argentina di Misiones. Si raggiungono con un paio di ore sia da Rio de Janeiro che da Buenos Aires.

Il fiume forma ben 275 salti, divisi tra il territorio brasiliano e quello argentino, dove le acque precipitano con fragore da decine di metri di altezza, levando verso il cielo colonne di acqua nebulizzata: ben 1500 metri cubi di acqua al secondo, ma nel periodo delle piogge possono anche raddoppiare. Il colpo d’occhio lascia senza fiato: come si potrebbe rimanere indifferenti davanti all’esuberanza dell’incontro tra fiume, rocce e foresta – lo scenario è indimenticabile. Le cascate di Iguaçu sono inserite in un due vasti parchi nazionali tutelati dall’UNESCO; altre interessanti attrazioni turistiche nelle vicinanze sono la centrale idroelettrica di Itaipu e le missioni gesuite guaraní in territorio argentino e brasiliano.


2 commenti su “Le cascate dell’Iguazú, spettacolo indimenticabile tra Argentina e Brasile”
  1. […] un viaggio memorabile. Di solito le formule di viaggio abbinano per comodità un viaggio alle cascate dell’Iguazú, forse per compensare la carenza di acqua. In ogni caso, lo spazio Commenti qui sotto è a […]

  2. […] Parco nazionale Los Glaciares è forse insieme alle cascate dell’Iguazú uno degli spettacoli naturali più grandiosi che questa grande nazione del Sudamerica ha da […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009