Vacanze in Sardegna: che cosa vedere a Oristano

Di , scritto il 05 Maggio 2014

Oristano DuomoOristano e la sua provincia sono una delle mète sicuramente più appetibili per chi “si intende” di vacanze estive di qualità! Oltre alle attrattive balneari della costa centro-occidentale della Sardegna, anche il capoluogo stesso della provincia è ricco di monumenti di notevole bellezza e importanza storica. Ecco quelli che secondo noi sono più degni di attenzione:

* Il Duomo di Santa Maria Assunta (nella foto), eretto nel XIII secolo e rimodellato nel XVIII in stile barocco;
* La chiesa di San Francesco, in stile neoclassico, all’interno della quale si può ammirare un magnifico crocifisso ligneo del Quattrocento;
* Il ricco museo archeologico Antiquariul Arborense;
* Piazza Eleonora, su cui si affacciano molti bei palazzi tra cui quello del Comune e la statua di marmo dedicata a Eleonora d’Arborea, colei che promulgò la Carta de Logu, considerata una delle prime costituzioni del mondo;
* La Torre di Mariano II, della fine del XIII secolo: era ai tempi una delle due importanti porte d’ingresso dell’antica cinta muraria.

Escursioni da Oristano? Ce ne sono moltissime. Ecco solo alcuni consigli con rimandi ad altri nostri articoli. Bosa nella Planargia è semplicemente incantevole. Se amate le rocce scoscese e le onde da surf, vi consigliamo Capo Mannu. Se vi piace l’archeologia, non potete mancare una visita al nuraghe di Losa. Senza dimenticare le rovine archeologiche di Tharros, gli edifici in stile liberty e neogotico di Arborea e la chiesa romanica di Santa Giusta. Ma di queste ultime tre località torneremo a parlarvi!

Non partite senza aver comprato una o più confezioni di mostaccioli sardi e un paio di bottiglie di Vernaccia di Oristano, con cui preparerete uno squisito risotto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009