I falò della Befana nella provincia di Treviso

Di , scritto il 30 Dicembre 2009

I Panevin (nome con cui vengono designati i falò dell’Epifania in Veneto) sono una tradizione ancora ben radicata nel trevigiano, un segno evidente di una cultura ancora molto legata al rapporto con la terra.

Solo nella provincia di Treviso saranno almeno un centinaio i falò del 2010 e ancora di più saranno quelli più piccoli, anche realizzati solo tra vicini di casa nelle campagne.

Originariamente pare si trattasse di un rito pagano che celebrava il solstizio d’inverno, una celebrazione della luce che da questo momento in poi avrebbe avuto la meglio sulle tenebre fino all’arrivo dell’autunno.

Come è avvenuto per tutte le altre feste, anche il Panevin è stato inglobato nella tradizione cristiana e associato all’Epifania, ovvero all’avvento dei Magi. Alcuni falò sono seguiti dalla benedizione con l’acqua santa e da un rito che prevede dei giri attorno al fuoco, altri mantengono la tradizione rurale dell’interpretazione della direzione del fumo e delle scintille per capire come sarà il raccolto, o semplicemente se sarà un anno prolifico. Se la direzione è sud o ovest, ossia quella del vento delle piogge, si tratta di un buon auspicio; mentre se la direzione è nord o est si prevedono tempi duri.

In alcune zone i falò prevedono il rogo della “vecia”, un fantoccio simile alla Befana, ovvero una sorta di icona di tutte le negatività dell’anno precedente; il Panevin diventa così anche un rito propiziatorio e di purificazione.

Insomma, da sempre la fine di una stagione o di un anno ha portato con sé riti e tentativi di prevedere il futuro: questo è quello che facevano i nostri antenati prima che si diffondessero gli oroscopi e la lingerie rossa, la grande differenza è il valore comunitario che ancora viene attribuito ai falò, che purtroppo la realtà urbana sta irrimediabilmente perdendo.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009