Una visita ai giardini di Castel Trauttmansdorff, a Merano

Di , scritto il 29 Maggio 2012

Tra i tanti giardini botanici e i parchi aperti al pubblico nella nostra Penisola, un posto di riguardo spetta ai giardini di Castel Trauttmansdorff di Merano, in Alto Adige. Un piccolo angolo di paradiso che riserva una sinfonia di colori e profumi suonata in una scenografica cornice alpina.

Nel castello la celeberrima imperatrice Sissi soggiornò per due periodi: prima nell’inverno del 1870 con le due giovani figlie per godere del clima mite della città termale. E poi nel 1889, nel periodo di lutto per la morte del principe ereditario Rudolf.

Di Sissi si possono idealmente ripercorrere le orme seguendo la passeggiata a lei dedicata in questa vera e propria oasi, che con 500.000 piante provenienti da tutto il mondo (tra cui molte rarità) costituisce un giardino botanico unico nel suo genere, immerso in un paesaggio fiabesco: un anfiteatro naturale che si può anche ammirare affacciandosi nella singolare piattaforma trasparente a forma di binocolo.

I giardini di Castel Trauttmansdorff raccolgono più di 80 diversi ambienti botanici i cui colori cambiano totalmente a seconda delle stagioni, vari giardini a tema, padiglioni artistici e stazioni sensoriali, dove i visitatori possono imparare a riconoscere le essenze. Ultimo, ma non meno suggestivo, un percorso di 200 metri interamente scavato nelle rocce, che consente ai visitatori di vedere qualcosa delle misteriose profondità della terra.


1 commento su “Una visita ai giardini di Castel Trauttmansdorff, a Merano”
  1. […] castelli, uno dei quali è strettamente legato alla storia della principessa Sissi: si chiama Castel Trauttmansdorff e seguendo il link potrete saperne di […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009