Consigli per un viaggio in Islanda

Di , scritto il 29 Aprile 2010


Esattamente come dice il nome che le diedero i navigatori norvegesi (Island, terra di ghiaccio), l’Islanda è soprattutto la terra dei ghiacciai spettacolari. Ma anche di distese di lava pietrificata, di vulcani attivi (ce ne siamo resi ben conto di recente!),  e di sorgenti termali fumanti. Un’isola ai margini del mondo dove in estate la natura si fa rigogliosa e solare. Non è vietato visitarla in inverno, ma l’estate è di gran lunga il periodo più consigliabile. Non solo per le temperature più gradevoli, ma anche perché, nei giorni che precedono e seguono il solstizio d’estate la meccanica degli astri vi regala un giorno lunghissimo, praticamente senza notte. Purtroppo a queste latitudini l’oscurità dell’inverno è tanto vasta quanto la luce del sole estivo che non tramonta mai.

Trovandosi l’Islanda a 66° di latitudine nord, il primo consiglio non può che essere: preparatevi a ogni temperatura, anche d’estate. Dovete mettere in valigia (e nello zaino) cappellino da sole, ma anche impermeabile, scarponcini resistenti all’acqua, giacca a vento. L’ideale, come in tutti i paesi nordici, è vestirsi a strati, poiché le temperature possono cambiare improvvisamente nel corso della giornata. Ma non dimenticate il costume da bagno: il nuoto è il passatempo nazionale e dovunque si trova una soundlaug, ovvero una piscina pubblica, anche all’aperto, riscaldata dall’acqua naturalmente calda del sottosuolo. Infatti gli islandesi sfruttano al meglio le risorse geotermiche, con cui producono energia, riscaldamento e costruiscono splendide terme.

L’Islanda è un’isola da visitare possibilmente in piena libertà, noleggiando un’auto a chilometraggio illimitato. Se non avete intenzione di uscire dalla viabilità principale (per esempio con un tour di 7 giorni), va bene anche un’auto normale. Ma se siete tipi più avventurosi e preferite uscire sulle strade sterrate oppure soggiornare nell’estremo nord dell’isola, preferite un veicolo 4×4. Anzi, per attraversare certi guadi fangosi è di gran lunga preferibile andare sul sicuro e viaggiare insieme a un’altra jeep che vi possa trainare in caso di difficoltà. Tenete presente che è severamente vietato uscire con un veicolo fuori dalle piste segnate: rischiate non soltanto multe severe, ma persino il divieto di ritornare in Islanda per alcuni anni!

Ma poi muovetevi anche a piedi, o a cavallo, in mountain bike. Se possibile, non perdete l’occasione di fare trekking, bird watching, di pescare, di partecipare a spedizioni per l’avvistamento delle balene: raramente vi troverete in ambienti così selvaggi e incontaminati. Ma cercate di riservare il massimo rispetto alla flora e alla fauna di un’isola che è come un immenso parco protetto.

Gli islandesi sono riservati ma ospitali: sarà un piacere conoscerne meglio la vita e i costumi, che sono ancora molto legati alla tradizione, alle feste del passato. Per quanto riguarda l’alloggio, potete optare per gli hotel (confortevoli, a non certo fastosi – molti hanno i bagni in comune!) oppure le locande, che nelle zone rurali sono l’unica opzione disponibile. Qualcuno dorme anche in tenda con sacco a pelo, ma non si aspetti le temperature dei campeggi italiani: di notte si può arrivare ben sotto lo zero!

Non trascurate di assaggiare i tipici piatti della cucina marinara: il salmone crudo in salamoia, il merluzzo marinato e il caviale islandese. Altre specialità sono la trota affumicata, l’agnello accompagnato da formaggio fresco e/o marmellata di mirtilli. Non cercate invece specialità italiane come pane e pizza che vi risulteranno inutilmente costose. Anche il sale da queste parti è un bene che deve essere importato e perciò dal costo altissimo. La parola d’ordine – come per ogni viaggio all’estero – è: adattatevi agli usi e ai costumi locali!


1 commento su “Consigli per un viaggio in Islanda”
  1. Maurizio ha detto:

    Ciao a tutti, io sono stato in Islanda ed è stata una vacanza indimenticabile.Ci sono molte bellezze naturali da visitare uniche nel loro genere che vi toglieranno il fiato.Prima di partire mi sono documentato su vari siti dedicati all’Islanda.Ve ne segnalo uno ben fatto: http://www.viaggioinislanda.it
    Buon viaggio.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009