Costa Azzurra d’inverno: che cosa vedere a Villefranche-sur-Mer

Di , scritto il 11 Dicembre 2015

Villefranche-sur-MerVillefranche-sur-Mer è una delle tante belle cittadine della Costa Azzurra, tra Nizza e Monaco, in quella parte della Francia dove il clima è mite anche d’inverno e raramente il sole si nasconde. Il territorio urbano si stende a gradini intorno a un porto naturale molto profondo, che offre ancoraggio sicuro, riparando le imbarcazioni dai venti orientali e sempre pieno di barche a vela e a motore.

Villefranche-sur-Mer è attraversata dalle tre Corniches, le strade litoranee che toccano Monaco, Nizza e Mentone offrendo spettacolari panorami sulla costa.

Jean Cocteau, oltre a essere l’autore delle pitture murali nella villa Santo Sospir a Saint-Jean-Cap-Ferrat (usata anche come location per il film Il testamento di Orfeo), ha anche affrescato completamente la suggestiva Chapelle Saint-Pierre di Villefranche-sur-Merm che vale perciò una visita. Gli affreschi murali evocano il Mediterraneo e dei periodi della vita di San Pietro.

Da vedere anche l’Église Saint-Michel, nel centro storico, che fu edificata all’inizio del XIV secolo e poi trasformata alla fine del XVIII con tratti in stile barocco savoiardo. Al suo interno sono contenuti tra l’altro una tela raffigurante San Michele, un Cristo scolpito nel Settecento, detto Christ du galérien (Cristo del galeotto) e una statua policroma lignea raffigurante San Rocco e il suo cane.

Tra le manifestazioni culturali più importanti a Villefranche-sur-Mer ricordiamo la battaglia navale fiorita che si svolge ogni anno a fine febbraio che raduna tipiche barche della zona (chiamate pontutes), decorate di fiori che vengono lanciati alla gente raccolta sulle banchine e sul molo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009