Che cosa vedere a Lavagna, nella Liguria di levante

Di , scritto il 07 Novembre 2016

lavagnaLavagna è, come dice il suo nome, la patria dell’ardesia, ma anche un vivace centro balneare del Levante ligure, con una spiaggia in parte sabbiosa e in parte di ciottoli. Come la vicina Chiavari, d’estate è un ottimo punto di riferimento per le famiglie con bambini e un porto turistico ben attrezzato, ma anche d’inverno ha molto da offrire, a cominciare dal clima estremamente mite.

Oltre al sempre gradevolissimo lungomare, che offre una splendida passeggiata per grandi e piccini, soprattutto al tramonto, non mancano le architetture religiose e civili degne di interesse. Tra le prime, la basilica collegiata di Santo Stefano, costruita verso la metà del Seicento sotto la direzione dell’architetto ticinese Giovanni Battista Ghiso. Presenta due suggestivi campanili laterali, quello di sinistra appartiene alla parrocchia ed è munito di un concerto di 8 campane, mentre il campanile di destra è quello del comune. Dietro la chiesa si trova il monumentale cimitero che, per le sue sculture funebri, è considerato uno dei più pregevoli e importanti della liguria. Da vedere anche il Santuario di Nostra Signora del Carmine, anch’esso del XVII secolo, restaurato e rifatto nell’Ottocento. L’annesso convento, oggi di proprietà comunale, è la sede della biblioteca civica. Suggestivo anche il Santuario di Nostra Signora del Ponte, il cui nome è dovuto al fatto di essere stato costruita ai piedi di un antico ponte che attraversa il fiume Entella.

Tra le architetture civili, da non perdere il seicentesco Palazzo Franzoni, oggi sede del municipio. Nel periodo napoleonico fu occupato e poi divenne un lazzaretto per le violente epidemie di quei secoli. Nel Novecento fu un hotel e poi riacquistato dal Comune di Lavagna divenendo così sede attuale della municipalità.

Da non perdere anche la Torre Ravenna, più conosciuta come “Torre del Borgo”. Probabilmente fu fatta edificare dalla famiglia nobiliare dei Fieschi nel XVI secolo come torre di avvistamento o di difesa. Oggi ospita la “Galleria artistica dell’ardesia” e la “Collezione Alloiso” dove si possono ammirare oggetti in ardesia, opere in ceramica e reperti archeologici provenienti da ogni parte del Golfo del Tigullio. Nel sottostante giardino alla genovese vengono anche organizzate di frequente mostre culturali e concerti.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009