Tunisi e dintorni

Di , scritto il 07 Gennaio 2009

TunisiUna visita nella parte settentrionale della Tunisia, intorno alla capitale Tunisi permette di scoprire i molteplici aspetti di questo affascinante paese: l’antichissimo retaggio storico che parte dai fenici, passa per la conquista romana e quella dei nordici Vandali, l’importantissima e ancora attuale eredità della cultura araba e la colonizzazione francese.

* Prima di tutto ci vuole una visita a Tunisi, una città dal doppio volto, arabo ed europeo. La città moderna, costruita sotto la dominazione francese è caratterizzata da ampi viali e imponenti edifici pubblici e privati. Giunti alla Piazza del Governo, si vede però la porta di accesso alla Medina, la città antica, che affascina con le sue atmosfere d’altri tempi. D’obbligo immergersi nella sua caratteristica atmosfera: da molti la città vecchia di Tunisi è ritenuta la più bella e meglio conservata del Nordafrica. Non a caso è stata inserita dall’UNESCO fin dal 1979 nella lista dei siti patrimonio dell’umanità. Da ammirare la Grande Moschea, sovrastata dall’imponente minareto. Poi bisogna addentrarsi negli animati e colorati souk, i vari quartieri di un grande mercato (esistono il souk dei profumi, quello della lana, quello dei copricapi, dei tessuti, dei gioielli ecc.), con le caratteristiche stradine ricche di botteghe artigianali e negozi di tutti i tipi. Per i tunisini non è solo un luogo dove fare acquisti, ma anche un punto di ritrovo. Bellissimi i negozi dei tappeti berberi. Sarà arduo resistere alla tentazione di portare a casa un souvenir in ceramica o metallo o cuoio della Tunisia che una volta a casa ci farà rivivere tutta l’atmosfera e il folklore di questo paese a un tempo così vicino e così diverso dal nostro. Nel souk è obbligatorio però mercanteggiare e tirare sul prezzo. Nella cultura araba chi non tratta è da disprezzare!
* Il pittoresco villaggio di Sidi Bou Said è famoso in tutto il mondo per le sue case bianche blu, i giardini fioriti e i panorami stupendi sul mare tunisino. Ma soprattutto per il tè alla menta con i pinoli servito nel famoso caffè che vedete in questa foto, perennemente preso d’assalto dai turisti.
* Il sito archeologico di Cartagine presenta importanti testimonianze dell’epoca punica, come i Porti Punici e il Tophet – il santuario dedicato al culto degli dei punici Tanit e Baal Hammon, a cui venivano sacrificati e i bambini primogeniti – e della cominazione romana (le Terme di Antonino, le rovine del Teatro e dell’Anfiteatro). Da visitare anche il Museo di Cartagine, che racchiude reperti di incalcolabile valore trovati durante gli scavi archeologici.

Per altre idee su cosa visitare in Tunisia al di fuori di Tunisi, verso il sud del paese, il deserto e le oasi rimando a questo mio post.


1 commento su “Tunisi e dintorni”
  1. […] La Tunisia è una meta molto amata dagli italiani, e vi abbiamo già proposto alcuni itinerari classici come questo di tre giorni e un itinerario più breve nella zona di Tunisi. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009