Castello della Manta: splendido maniero medievale in provincia di Cuneo

Di , scritto il 06 Ottobre 2015

Castello della MantaChi visita il Castello della Manta conserverà in sé un tesoro di immagini. Ubicato sulle alture di Manta, un comune in provincia di Cuneo, dal 1984 è stato affidato alle sapienti cure del FAI, che lo ha restaurato e portato a far parte del circuito dei “Castelli Aperti” del Basso Piemonte.

L’attuale struttura del castello deriva da una serie di aggregazioni apposte all’impianto originario del XII secolo. L’aspetto di questa dimora signorile deriva principalmente dalle modifiche effettuate nel primo Quattrocento dalla famiglia Saluzzo della Manta. Gli interni del castello sono particolarmente preziosi: oltre all’affresco della Madonna del Latte, raffigurante Maria nell’atto di allattare Gesù (opera di un anonimo maestro del Quattrocento), sono a dir poco stupefacenti gli affreschi della Sala baronale (nella foto). Tutto il suo perimetro è coperto da dipinti attribuiti a un non meglio identificato Maestro del Castello della Manta e risalgono ai primi vent’anni del XV secolo. Il ciclo rappresenta una serie di eroi ed eroine che raffigurano i marchesi e le marchese di Saluzzo secondo la tradizione iconografica classica, ebraica e cristiana e vestiti con preziosi abiti del tempo.

Risale invece al periodo del manierismo cinquecentesco il soffitto della Sala delle grottesche, finemente dipinto e decorato con stucchi, grottesche, antiche rovine e architetture rinascimentali.

Accanto al castello si può visitare la chiesa castellana, nella quale si trovano altri notevoli affreschi sulla vita di Gesù e una cappella funeraria decorata con stucchi e pitture di impronta manieristica.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009