Itinerario nella provincia di Nuoro

Di , scritto il 02 Marzo 2015

Nuoro Sardegna vedutaNuoro è una città della Sardegna molto ricca di tradizioni, anche grazie alle sue antichissime origini. Sorge su un altipiano granitico, secondo la tradizione vicino a un tempio della dea Astarte, divinità fenicia. Nella cittadina, vale la pena di vedere la bella cattedrale di Santa Maria della Neve, con un notevole patrimonio artistico. Da non perdere anche la casa-museo di Grazia Deledda e il caratteristico rione di Santu Predu, la maestosa chiesa di Santu Càralu e la Chiesa del Rosario (Su Rosàriu). Molto belli anche Piazza Sebastiano Satta, animata dalle sculture di Costantino Nivola e il Museo della vita e delle tradizioni popolari sarde.

Nuoro è al centro della Barbagia, una delle zone più belle e caratteristiche della Sardegna. Il suo nome deriva dalla definizione latina ‘Civitates Barbariae’ (le città dei barbari), che infatti non erano riuscite a conquistare la zona. Ancora oggi i barbaricini sono considerati dagli stessi sardi come i più fieri tra un popolo fiero. La Barbagia si trova quasi interamente alla provincia di Nuoro più alcuni comuni dell’Ogliaastra. Qui si conservano la lingua e le antiche tradizioni. I principali centri della Barbagia in provincia di Nuoro sono i seguenti, che costituiscono un bell’itinerario consigliato a tutti:

* Aritzo: è un caratteristico paese montano fra grandi boschi, una località di villeggiatura estiva molto apprezzata per il clima eccellente. Bella la chiesa parrocchiale, che conserva alcuni elementi dell’originaria costruzione tardo-gotica del 500. Dal punto di vista dell’artigianato, il paese è noto per la produzione di casse nuziali in castagno intagliato.

* Fonni, a 1000 metri sul livello del mare, è il più alto paese della Sardegna. La popolazione è in parte formata da pastori che durante l’inverno emigrano nel Campidano e sulla costa.

* Gavoi, un centro famoso in passato per gli speroni e i morsi di cavallo qui fabbricati. Oggi è ancora molto diffusa la tessitura di tappeti. Molto bella la chiesa parrocchiale di San Gavino, con un portale rinascimentale, un grande rosone sulla facciata e un notevole campanile.

* Mamoiada, situato al margine della Barbagia di Ollolai, è famoso per le celebri maschere demoniache carnevalesche in legno nero: sono i mammuthones, vestiti di pelli ovine e con campanacci. Insieme a questi si presentano anche gli issacadores, che cercano di prendere al laccio gli spettatori del carnevale: anticamente, la vittima per liberarsi doveva fare un sacrificio rituale, ovvero offrire del vino da bere.


1 commento su “Itinerario nella provincia di Nuoro”
  1. Mirko ha detto:

    bravissimi una zona poco conosciuta, ma merita veramente tanto oltre ai grandi classici della Sardegna (Costa Smeralda etc.). Inoltre da tenere a mente che ci troviamo a circa un ora di auto da Olbia.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009