Il teatro-tempio di Pietravairano: un gioiello riscoperto in provincia di Caserta

Di , scritto il 01 Ottobre 2018

Pietravairano è un piccolo comune della provincia di Caserta in Campania abbarbicato sulle falde del monte Caievola (alto poco meno di 600 metri). È posto su uno sprone volto a sudest, ed ha una struttura a gradinata. La storia di Pietravairano è molto antica e fino a qualche decennio fa era nota soprattutto per le vicende del periodo feudale. Nel 2001 è avvenuta però una scoperta straordinaria: un complesso costituito da un teatro e da un tempio romano disposti su due terrazze a quote diverse sul monte san Nicola. Come potete vedere dall’immagine si tratta di uno degli esempi più belli e rari di questa tipologia di costruzione nel nostro paese, oltre che di un luogo dal quale si gode di un meraviglioso panorama.

A detta degli storici, il tempio era inizialmente un’area di culto fortificata dedicata alla dea Mefitis (in epoca sannitica) e un centro di aggregazione per le attività culturali ed economiche. Nel periodo dell’impero romano poi riconvertito in un santuario dedicato a Giunone e a esso fu aggiunto un ampio teatro sottostante, scavato direttamente nella roccia.

Sulla terrazza superiore si trova dunque il tempio a pianta rettangolare, con tre celle. Circa metri più in basso c’è invece il teatro, di cui si sono conservate la cavea semicircolare, ricavata sfruttando il pendio naturale della collina, e la struttura in cui era raffigurata la scenografia, ubicata situata lungo il margine meridionale della terrazza. Trovandosi su un’altura, vigilando su un’importante via di comunicazione, probabilmente il complesso di Pietravairano costituì sempre un punto di riferimento per le popolazioni circostanti, disperse sul territorio, come simbolo di potere e di identità collettiva.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009