Come visitare l’isola di Henderson, paradiso naturale nel Pacifico

Di , scritto il 29 Agosto 2014

isola di HendersonL’isola di Henderson è una colonia britannica nel cuore del Pacifico totalmente incontaminata. Ha un’estensione di 37 km2 e si trova all’altezza del Tropico del Capricorno, annessa alla colonia delle isole Pitcairn.

Fino al XVIII secolo rimase quasi totalmente risparmiata dall’influenza dell’uomo, quando fu scoperta da un capitano britannico della Compagnia delle Indie che le diede il proprio nome. Per questo motivo, la flora e la fauna di questo atollo dalle scogliere a picco sono rimasti intatte: nella foresta tropicale sono state trovate finora undici specie di piante endemiche, oltre a decine di specie di uccelli marini e terrestri, moltissimi insetti e lumache esistenti soltanto su quest’isola. Tutte prerogative che hanno contribuito a fare di Henderson Island un patrimonio tutelato dall’UNESCO.

Nel corso della storia Henderson è stata raramente abitata: secondo alcuni ritrovamenti archeologici vi fu una piccola colonia polinesiana nei secoli XII-XV secolo, che poi scomparve per cause ignote. Nel 1957 un americano vi abitò come naufrago per un paio di mesi. Negli anni ’80 del XX secolo qualcuno tentò di fare approvare un piano edilizio per la minuscola isola, ma il veto degli ambientalisti lo impedì. Oggi questo paradiso incontaminato può essere visitato soltanto previo ottenimento di un permesso speciale dal Pitcairn Island Council. L’atollo si può raggiungere soltanto via mare, ma non vi sono navi da crociera o da carico che vi fanno scalo. Occorre trovare un “passaggio” dai vari abitanti delle isole Pitcairn che si recano qui una volta l’anno per fare legna e vi soggiornano alcune settimane.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009