Cidade Velha a Capo Verde: che cosa vedere

Di , scritto il 27 Gennaio 2010

Certo Capo Verde è una meta turistica resa famosa dalle sue spiagge e dai suoi panorami, tuttavia, ci sono anche luoghi densi di storia da visitare. Cidade Velha, anticamente Ribeira Grande, fu la prima città costruita dagli europei ai Tropici.

L’UNESCO ha dichiarato Cidade Velha (la città vecchia), la prima capitale a circa 12 km dall’attuale capitale Praia, Patrimonio dell’Umanità. Da qui, infatti, sono passati i grandi esploratori del XV secolo, che la resero un punto focale delle rotte tra l’Europa , l’Africa e il Nuovo Mondo.

Oggi sono presenti moltissime rovine dei forti che erano stati eretti per la difesa dai pirati. Il monumento più importante è la fortezza di São Felipe, che domina ancora il paesaggio.

Vi è poi la prima chiesa di culto cristiano in Africa: Nossa Senhora do Rosário, che fu costruita per l’evangelizzazione del clero locale. Si tratta di una chiesa in stile gotico manuelino in cui ancora oggi si celebrano le funzioni regolarmente.

Cidade Velha fu molto importante anche per i primi esperimenti di coltivazione di piante ed essenze europee, africane e americane, merce di scambio tra i Continenti e portate fino in Oriente. Documentata la presenza di arance, limoni, melograni, fichi, palme da cocco.

Ma Cidade Velha fu anche luogo di smercio di schiavi, in un primo tempo portati dalla Guinea per popolare la terra, poi venduti in altri Paesi come le Canarie e l’Europa. Questo primato, pur essendo un’onta, ha dato origine a una cultura nuova e originale: quella creola, che successivamente si espanse, proprio attraverso la tratta degli schiavi, fino ai Caraibi.

Pur nel dolore Cidade Velha rappresenta il punto d’incontro culturale tra Africa, Europa e Americhe.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009