Viaggio in Calabria: perché scegliere questa destinazione per il 2019

Di , scritto il 19 Ottobre 2018

CalabriaLa Calabria è una delle destinazioni più belle e ricercate di tutta Italia da maggio a settembre. Il suo clima mite favorevole che fa da sfondo a un paesaggio da sogno è esso stesso una motivazione valida, anche se di certo non è l’unica. Accanto alle spiagge preziose della Terra del Peperoncino c’è un patrimonio archeologico d’eccellenza, a testimonianza di un’affascinante storia millenaria.

Fra una tintarella e l’altra, quindi è possibile fare qualche gita fuoriporta partendo all’esplorazione del territorio. Ad ogni ristoro è possibile approfittare della golosa cucina calabra e dell’accoglienza calorosa dei Calabresi. I motivi per andare in Calabria, oltre a cucina ottima, storia affascinante, mare cristallino ci sono alcune delle bellezze del territorio che almeno una volta nella vita vanno assolutamente viste.

Il segreto per la buona riuscita della vacanza, tuttavia, è l’avere un mezzo di trasporto per muoversi, sia esso a noleggio o proprio, e il trovare un alloggio soddisfacente e confortevole. Dormire bene la notte, passare delle giornate di relax immersi in ogni comfort e avere un punto d’appoggio sicuro e di alta qualità è indispensabile. La formula migliore che si può scegliere per visitare questa terra è il villaggio turistico, da sempre garanzia di soggiorni di alta qualità. Le offerte villaggi Calabria, inoltre, consentono di spendere pochissimo e di risparmiare anche con i massimi servizi.

Le bellezze della Calabria, che la rendono una meta unica

Il Parco Naturale della Sila

Una giornata alla scoperta di questo parco naturale è quello che ci vuole per ritrovare il proprio contatto con la natura e per trascorrere una divertente giornata all’avventura.  Il parco ospita alcune specie faunistiche e floristiche d’eccezione che si possono avvistare non di rado, come il cinghiale, la volpe, il lupo, il capriolo, il cervo, il biacco, la puzzola e molti altri. Anche se i più entusiasti di questa visita saranno sicuramente i bambini, di norma anche i grandi ritengono questa gita un’esperienza indimenticabile.

Tropea e i suoi monumenti

Una delle cittadine più famose e meravigliose della Calabria è di certo Tropea, con un borgo incantevole affacciato sul mare, pieno di botteghe artigianali e di mercatini di profumati prodotti locali. La cittadina è un piccolo gioiello ed è per questo che è così famosa. Di singolare e da non perdere qui c’è sicuramente il Santuario di S. Maria dell’Isola posto in cima a una gradinata in una posizione dominante sulla città, affacciato direttamente sul mare.

La cittadina di Stilo

Il centro di Stilo è un’altra perla della Regione che si trova nella zona Nord-Est di Reggio Calabria. Il paese è un piccolo museo a cielo aperto visto che conserva ancora oggi intatte le sue caratteristiche medievali. A partire dalla cinta muraria sino ad arrivare ai resti del castello e alle tante chiese e monasteri che ospita. Degna di nota e famosa in tutta Europa è la chieda della Cattolica di Stilo, una struttura imponente e distinta che spicca sulla cittadina e unico esempio di arte bizantina in questa Regione.

Amantea

Visitare la Calabria senza visitare Amantea sarebbe un crimine e per questo va sicuramente citata fra le bellezze di questa Regione. La cittadina è un centro turistico importante che affianca la modernità e l’innovazione a un vecchio spirito medievale, visibile nella cinta muraria e nell’imponente torre di controllo. Ad Amantea si trova anche un importantissimo monastero, cioè quello di San Bernardino da Siena, eccellente esempio di arte romanica di importanza nazionale. Lungo le vie del borgo storico si può godere delle vecchie tradizioni e sembra davvero di tornare indietro nel tempo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009