La cattedrale di San Venanzo a Fabriano

Di , scritto il 18 Maggio 2011

Situata nel cuore di Fabriano, città del versante orientale dell’Appennino umbro-marchigiano, la Cattedrale (dedicata a San Venanzo, originario di Camerino in provincia di Macerata) è stata edificata intorno al 1047 a opera del Vescovo e del Capitolo di Camerino, alla cui diocesi apparteneva a quel tempo la città. Intorno al 1260 l’edificio venne ampliato mentre nel secolo successivo furono risistemati l’abside a pianta poligonale e la tribuna. A quel punto, della chiesa d’origine, piuttosto piccola e disadorna rimanevano poche tracce.

A inizio Seicento fu ulteriormente ampliata e adattata ai gusti estetici dell’epoca. La ricostruzione fu quasi totale e avvenne su progetto dell’architetto originario di Urbino Muzio Oddi: il disegno, piuttosto classico, era maestoso e solenne. I lavori furono terminati nel 1617, come ricorda l’epigrafe posta sulla porta all’interno.

Oggi il vasto interno a navata unica presenta un forte contrasto tra la nudità della volta e la ricchezza decorativa delle cappelle arricchite con stucchi e fregi dorati.

Le cappelle laterali furono decorate su commissione di varie famiglie nobili, tra le quali Possenti, Vallemani, Stelluti, Venturini, di corporazioni come lanaioli e di confraternite come quelle del Sacramento e del Suffragio. Al loro interno sono tuttora conservate opere di insigni pittori tra i quali Orazio Gentileschi, Claudio Ridolfi e Giovan Francesco Guerrieri, oltre a Giuseppe Puglia, il quale decorò la Cappella del Suffragio, a lungo attribuita a Simone Cantarini da Pesaro e Francesco Gessi.


1 commento su “La cattedrale di San Venanzo a Fabriano”
  1. […] della provincia di Ancona, Fabriano è situato in una vallata circondata da colline e dai monti dell’Appennino umbro-marchigiano: […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009