Che cosa sono gli alberghi diffusi?

Di , scritto il 17 Novembre 2009

Alberghi_diffusi

Gli alberghi diffusi sono un tipo di offerta turistica relativamente nuovo: strutture sviluppate orizzontalmente, con un corpo centrale e camere dislocate intorno ad esso, spesso in immobili diversi, ma sempre all’interno dello stesso nucleo urbano e comunque entro una distanza di 300 metri. Una struttura che è una via di mezzo tra una casa e un albergo, per chi non ama i classici soggiorni in hotel ‘verticali’, che spesso assomigliano molto ai condomini delle metropoli.

Si tratta di un tipo di sistemazione adatta a chi desidera soggiornare in un contesto urbano di pregio, vivere a contatto con i residenti, invece che con altri turisti, pur usufruendo di normali servizi alberghieri, per esempio colazione in camera, servizio ristorante e attività di intrattenimento. Come in un normale hotel, in un albergo diffuso esistono spazi comuni e spazi privati, ma la distanza tra loro è più ‘ragionevole’.

L’albergo diffuso è adatto a valorizzare comuni e borghi con un centro storico di particolare interesse artistico, storico o culturale. Inoltre, è un tipo di turismo ecocompatibile, perché volto a recuperare e valorizzare vecchi edifici chiusi e inutilizzati evitando ulteriore cementificazione per risolvere i problemi della ricettività turistica.

Gli alberghi diffusi sono ormai diffusi in molte regioni d’Italia e si sono riuniti in nell’associazione ADI, che si impegna a promuoverli con vari mezzi.

Mascherine in pronta consegna

4 commenti su “Che cosa sono gli alberghi diffusi?”
  1. Mauro ha detto:

    Nel sito linkato in firma potrete trovare l’elenco dei migliori alberghi diffusi italiani, dal Friuli alla Sardegna.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009