Che cosa bisogna assolutamente vedere in Guatemala

Di , scritto il 08 Ottobre 2015

tikal GuatemalaNel Guatemala ogni villaggio porta il segno della cultura millenaria dei Maya, che si ammira nei tessuti fatti a mano del mercato di Chichicastenanago tanto come nelle piramidi di Tikal. Intorno alle rovine cresce la foresta, rifugio del giaguaro e abbondano i vulcani. Con queste poche parole avremmo già descritto la quintessenza di questa piccola nazione dell’America Centrale incastonata tra Messico e Belize, una tappa adatta a chi ama l’avventura.

Del Guatemala colpiscono i colori forti e contrastanti: si va dal verde intenso delle foreste lussureggianti alla sabbia nera delle spiagge del Pacifico al giallo ocra delle antiche dimore coloniali alle acque cristalline del Mar dei Caraibi al rosso dei vulcani Agua e Pacaya. Per chi cerca una località balneare, la costa caraibica più interessante di quella del Pacifico, che invece è più agricola e meno turistica. Vicino alla sulla costa caraibica si trovan anche il grande lago Izabal, nella cui zona è ospitata una fauna davvero interessante, costituita soprattutto da uccelli migratori e rettili. Sì, perché il Guatemala, con una cinquantina di parchi naturali e una ventina di biotopi è ideale per gli amanti della natura. Solo i più fortunati riusciranno a vedere un esemplare di Quetzal, il mitico volatile di leggendaria bellezza, con piume verdi e azzurre, purtroppo in via estinzione.

Si contano a migliaia i siti archeologici del Paese, nascoste in mezzo alla foresta, soprattutto nella regione di El Petén. Le più notevoli in assoluto sono le già citate rovine di Tikal (nella foto), patrimonio UNESCO. In questa città vivevano almeno 10.000 persone, ma l’agglomerato fu misteriosamente abbandonato da tutti nel IX secolo. Oggi si trova così nella giungla una città fatta di case, palazzi, templi e statue nel bel mezzo della vegetazione straordinaria, abitata da scimmie urlatrici e di uccelli tropicali.

Il museo di Ixchel, a Guatemala Ciudad, è l’ideale per chi non ha la possibilità o il tempo di recarsi nelle regioni indigene. Vi si trovano soprattutto i tradizionali costumi indigeni tessuti a mano.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009