Il Maschio Angioino di Napoli

Di , scritto il 23 Maggio 2010

Il Maschio Angioino o Castel Nuovo, si erge in una delle piazze principali di Napoli ossia Piazza Municipio e prende il suo nome dalla dinastia degli Angioini durante il cui regno fu costruito. Alla sua edificazione sono seguite poi due principali ristrutturazioni: una nel periodo aragonese e una nel 1800.

Questo castello, che si trova a pochi passi dal mare, si presenta come una imponente reggia-fortezza, di forma trapezoidale circondata da cinque torri merlate. L’intera struttura è cinta da un profondo fossato e nel sottosuolo attraversata da sotterranei costruiti anche per la loro funzione di prigioni.

Di particolare interesse artistico è la sala dei Baroni (che fino al 2006 era sede delle sedute del consiglio comunale): essa è infatti dotata di una pregevole volta a crociera altra ben trenta metri.

Al suo interno sono certamente da visitare la Cappella Palatina (1300), che rimane una delle poche parti del castello identiche a come fu costruita in periodo angioino, la Sala dell’Armeria, la Cappella del Purgatorio e quella dedicata a San Francesco di Paola.

Il Castello è sede della Società Napoletana di Storia Patria, del Museo Civico di Napoli nonché di mostre ed eventi normalmente ospitati nella Sala di Carlo V e nella Sala della Loggia.

Nel periodo più freddo dell’anno presso il Maschio Angioino viene allestita una pista di pattinaggio sul ghiaccio che offre ai visitatori uno spettacolo decisamente fiabesco.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Il Maschio Angioino di Napoli”
  1. […] di Venosa è di origine aragonese ed è molto ben conservato. Molto simile nell’aspetto al Maschio Angioino di Napoli, sembra fare la guardia a una piazza di interessante impianto urbanistico. A Venosa vale anche la […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009