Maxilia: borracce e altri gadget personalizzati ed ecologici per la promozione turistica

Di , scritto il 20 Maggio 2020
maxilia

Ora che l’emergenza sanitaria pare almeno temporaneamente superata, tutta l’Europa sta preparando un ritorno in grande stile del settore turistico, una delle colonne portanti delle economie di tutto il Vecchio continente e dell’Italia in particolare. E poiché uno degli insegnamenti che il periodo della grande pandemia ci ha sicuramente insegnato è che dobbiamo rispettare molto di più la natura e l’ambiente, occorre che anche le forme di promozione turistica diventino più green. Il marketing online infatti non fa grossi danni all’ambiente, ma quello offline rischia di essere poco ecocompatibile.

Che siate gestori di hotel, tour operator, agenzie di viaggio, servizi di balneazione, campeggi, terme, rifugi alpini, villaggi turistici e altre strutture ricettive, tenete presente che la promozione del vostri brand aziendale presso i clienti può rivelarsi un asso nella manica.

Gli operatori del settore turismo, viaggi e tempo libero che vogliono fare un omaggio ai loro clienti possono puntare su articoli di sicura utilità e riutilizzabili infinite volte come ad esempio le borracce (ancora meglio se provviste di logo aziendale come quelle che trovate sulla pagina https://www.maxilia.it/borracce-personalizzate/ del portale Maxilia, specializzato in gadget personalizzati.

Nel novero delle borracce sono disponibili articoli in vari materiali, tutti consigliabili dal punto di vista ecologico: vetro, alluminio, acciaio inox e – estremamente interessante e ancora poco conosciuto! – anche in tritan (un copoliestere di nuova generazione esente dal temibile bisfenolo A). Si può scegliere tra modelli di borracce più o meno economici, anche con beccuccio e comodo moschettone per appendere il contenitore allo zaino o alla sporta.

Sempre sul sito Maxilia si trovano anche molte altre idee su omaggi eco-friendly e personalizzati per i clienti. Stiamo parlando di tutti gli articoli fabbricati con materiali biodegradabili e/o riciclabili come carta e cartone, legno e sughero (ovviamente con certificazione FSC), tessuto in cotone o in fibra di bambù.

Ecco alcuni esempi:

  • borse e buste in carta (kraft o riciclata);
  • lacci portabadge in fibra di bambù;
  • matite (nero o colorate);
  • nastro adesivo in carta;
  • occhiali da sole con aste in bambù;
  • penne a sfera con scocca in bambù;
  • portachiavi in legno;
  • quaderni e taccuini in carta riciclata;
  • scatole di fiammiferi;
  • shopper in cotone;
  • sottobicchieri in cartone, legno o sughero;
  • tazzoni da bevande fredde o calde in cartone o bambù;

Come avrete capito, il catalogo di Maxilia è vastissimo, con migliaia di articoli personalizzabili mediante processi di stampa ecosostenibili – e anche questo è un dettaglio non trascurabile per il bene del nostro Pianeta. Ciascun oggetto è presentato mediante una scheda illustrativa che ne descrive i materiali, le dimensioni, le tonalità disponibili, la tipologia di stampa possibile per il logo aziendale e l’area di stampa più adatta.

Il cliente deve soltanto fornire a Maxilia un file del suo logo aziendale in formato vettoriale (oppure lasciare che siano gli assistenti di Maxilia a metterlo a punto senza costi aggiuntivi). Poi si può visualizzare un’anteprima digitale del risultato: quando risulta soddisfacente basta indicare il numero di pezzi da commissionare, visionare e approvare il preventivo e acquistare.

Un altro vantaggio (anche ecologico) del servizio offerto da Maxilia sta nel fatto che è possibile anche acquistare tirature molto limitate di merce (anche soltanto 25 pezzi, a prezzi comunque assai bassi). La merce viene consegnata a domicilio mediante corriere (anche espresso, su richiesta), in qualunque zona d’Italia.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009