Il Museo Tattile Omero di Ancona, l’arte da toccare

Di , scritto il 01 Giugno 2011

Il Museo Tattile Statale Omero di Ancona è uno dei pochi di questo genere nel mondo ed è nato allo scopo di integrare le persone con disabilità visiva. Si tratta di uno spazio innovativo, che permettere di conoscere l’arte non più attraverso la vista, ma mediante il tatto. Le opere infatti sono oggetto di un’inedita esplorazione manuale. Negli spazi museali trova ospitalità una ricca collezione fruibile in senso tattile.

Istituito nel 1993, è organizzato in diverse sezioni dedicate all’archeologia, all’architettura, alla scultura antica e moderna, alla scultura del Novecento e dei giorni nostri. Nell’ambito dell’archeologia troviamo oggetti originali di varia tipologia ed epoca, oggetti in ceramica, pietra e metallo dalla Preistoria all’epoca tardo-classica.

Nella parte dedicata all’architettura troviamo modelli e rilievi di grandi opere del passato: dal Partenone al Pantheon romano, dalla Cattedrale di San Ciriaco ad Ancona alla Basilica di Santa Maria del Fiore a Firenze, dalla Basilica di San Pietro a Roma alla Mole Vanvitelliana ad Ancona.

Nella scultura sono inclusi calchi e copie in gesso delle più celebri sculture di tutti i tempi, dall’epoca egizia a quella greca e romana, da quella romanica e gotica alla rinascimentale e barocca, dalla neoclassica alla contemporanea.

Per maggiori informazioni sugli orari di apertura al pubblico e le visite guidate, consigliamo di visitare il sito web della struttura.

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009