Ostuni: la magia della città bianca e il mare cristallino

Di , scritto il 31 Agosto 2009

Ostuni Cattedrale

La cittadina di Ostuni sorge sulle propaggini meridionali della Murgia, a soli 8 chilometri dalla costa adriatica, nell’alto Salento. Ostuni è nota per la caratteristica imbiancatura a calce degli edifici del centro storico, che risale al Medioevo. Ai tempi aveva una duplice funzione: dare maggiore luminosità alle viuzze strette del borgo antico e bloccare il contagio di malattie infettive (la calce è infatti un disinfettante naturale). Oggi il bianco delle abitazioni (potete ammirarlo in questa foto panoramica) regala una sensazione di luminosità che si integra perfettamente nei colori della natura mediterranea, tra il verde della vegetazione e l’azzurro del cielo. E di notte il fascino de “la città bianca”- come è definita Ostuni – è ancora maggiore, poiché la città si illumina a dovere per mostrare tutto il suo fascino.

Il monumento simbolo di Ostuni è la Guglia del patrono, Sant’Oronzo, che campeggia nella piazza principale della città. Straordinaria anche la cattedrale (nella foto), sulla cui facciata si nota lo stile romanico dello splendido rosone abbinato al gotico e allo stile fiorito veneziano. La cattedrale è fronteggiata da un bel ballatoio barocco, oltre il quale si apre un dedalo di vicoli.

Da queste parti è possibile affittare una casa di villeggiatura o soggiornare in una delle tante splendide masserie o fattorie fortificate che la circondano, spesso con tetti in legno e magnifiche cantine usate per conservare l’olio e il vino. Oltre alle masserie, anche alcuni antichi monasteri sono stati trasformati in relais di grande fascino. Non è un caso che da alcuni anni la Puglia sia diventata la meta prediletta del turismo di livello più alto.

Gli itinerari nel Salento non mancano: se da Ostuni si scende verso il mare percorrendo la via Traiana, l’antica strada romana che da Bari porta a Brindisi, lungo il percorso si incontrano incantevoli ulivi secolari, alcuni dei quali hanno anche 2500 anni. Si oltrepassa il Parco Regionale delle Dune Costiere, un’area naturale protetta che si estende per 8 chilometri e poi si arriva sul litorale di Ostuni, 18 kilometri di costa tra le più pulite d’Italia e molto apprezzate per la qualità dei servizi che offrono. In questo tratto della costa pugliese la sabbia è finissima e l’acqua più che limpida, con fondali di rara bellezza. Tra le tante, consigliamo la spiaggia nei pressi della foce del fiume Morello o il ricercato lido di Rosa Marina. Qui si accede alle spiagge attraverso sentieri obbligati che attraversano dune ricoperte di macchia mediterranea e pinete dagli intensi profumi. Un tratto di costa più selvaggia e frastagliata è invece quello delle innumerevoli insenature rocciose di Torre Pozzelle, una località che prende il nome dalla torre aragonese che domina il litorale.

Per una giornata più fresca, si può optare per le grotte di Castellana, il più grande e scenografico complesso carsico italiano, oppure visitare i celeberrimi trulli di Alberobello o anche le incantevoli città di Lecce e Otranto. Dovunque andrete, capirete che questa parte della Puglia ha mantenuto intatto nel tempo tutto il suo fascino.


2 commenti su “Ostuni: la magia della città bianca e il mare cristallino”
  1. […] di vista turistico, poiché situato a poca distanza dai principali centri abitati come Brindisi, Ostuni e Taranto. Ma la sua principale caratteristica è il panorama che questa zona offre. Ceglie […]

  2. […] soli 50 kilometri da Ostuni, in provincia di Bari, precisamente nel comune di Castellana Grotte, si trovano le famose grotte di […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009