Il Marocco e le sue bellezze: la Medina di Tangeri e dintorni

Di , scritto il 30 Marzo 2021
Tangeri

La città portuale di Tangeri, anche chiamata “città bianca”, è situata nell’estremo nord del Marocco sullo Stretto di Gibilterra.

Tangeri, il cui nome deriva da Tanjas moglie dell’eroico Ercole, è una città cosmopolita e vivace conosciuta per i suoi mercati, la sua cucina tradizionale e le sue innumerevoli attrazioni.

La città si sviluppa ad anfiteatro intorno al porto dove è stata costruita l’infrastruttura Tangeri Med. Questo centro si trova proprio dove si incontrano il mar Mediterraneo e l’oceano Atlantico, in un punto dove tutto parla della sua storia che ha visto il dominio dei Fenici, Cartaginesi, Romani, Arabi, Portoghesi, Spagnoli e Inglesi.

Cosa visitare nella città di Tangeri

Il Grand Socco è l’ingresso alla Medina di Tangeri, una grande piazza in pendenza circondata da palme con una fontana centrale che si trova di fronte al cancello del buco della serratura, Bab Fass. Piazza in cui si tiene il mercato, ricchissimo di prodotti dell’artigianato marocchino e della cucina araba. Di fronte al alla stazione della polizia si trova La Terrasse, un caffè dove la gente del posto trascorre le loro giornate giocando a parchìs (gioco da tavolo spagnolo). Qui si trovano anche i Giardini Mendoubia, il parco pubblico, casa di un albero Banyan che ha oltre 800 anni. Al centro della Ville Nouvelle di Tangeri si trova Place de France, meta ideale per gli amanti del divertimento e dello shopping perché ricca di locali, bar, ristoranti e negozi.

La Medina di Tangeri è un labirinto di stradine e sul punto più alto della città si trova la Moschea della Kasbah. È costituita da un minareto ottagonale in maiolica multicolore e qui sorge il Palazzo del Sultano, il Dar El Makhzen. Dimora affacciata sul mare, con le volte di marmo, i soffitti di cedro e le decorazioni in maiolica, ospita il Museo delle Arti del Marocco e il Museo delle Antichità. Da sempre questo palazzo è fonte di ispirazione per numerosi artisti: Henri Matisse, William Burroughs, Paul Bowles e altri che la visitarono, la sentirono subito casa propria. 

Le grotte di Ercole

A circa 16 km dalla Medina di Tangeri si trova un importante sito archeologico: le Grotte di Ercole. È la grotta più grande dell’Africa risalente al 2500 a.C. e secondo la mitologia antica sarebbe stata la dimora della famosa figura mitologica. Il tunnel sotterraneo si estende per una lunghezza di 30 km e termina con una cavità che si affaccia sull’Oceano Atlantico.

Molte sono le storie che circolano intorno a queste grotte e tra queste la più celebre sembrerebbe essere quella raccontata dalle guide turistiche del sito archeologico, secondo cui Ercole si trovava prigioniero nelle grotte e un giorno, tentando di creare una via d’uscita colpendo con un pugno creò lo spacco che causò la rottura della placca terrestre portando alla nascita dei due continenti, l’Europa e l’Africa.

Se siete rimasti affascinati dal mito delle Grotte di Ercole o dall’eleganza delle Moschea della Kasbah potete raggiungere Tangeri via mare da Almeria, Genova, Barcellona, Malaga, Marsiglia, Sete, Motril e Algeciras. Su traghettilines troverete tutte le informazioni per prenotare il vostro traghetto per Tangeri. Traghettilines è una realtà consolidata oramai da anni che oltre a questa destinazione del Nordafrica ne copre tante in tutto il Mediterraneo per esaudire ogni vostro desiderio.


1 commento su “Il Marocco e le sue bellezze: la Medina di Tangeri e dintorni”
  1. Massimiliano ha detto:

    Che spettacolo, speriamo di poter ripartire presto!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009