Sorrento, 3 cose da vedere nella città dei limoni

Di , scritto il 27 Luglio 2021
Sorrento

Tra le tante meraviglie italiane e partenopee c’è sicuramente Sorrento. La famosa città dei limoni si trova nella costiera della Penisola sorrentina, di fronte alla baia di Napoli, nella parte sud-occidentale d`Italia. Ogni cittadina italiana è conosciuta e famosa per qualche particolare, ad esempio Sanremo è conosciuta non solo per la kermesse canora, ma anche per il suo casinò, che fa concorrenza a quelli online con roulette senza deposito. Sorrento, invece, è famosa per i suoi limoni, prodotto ortofrutticolo italiano e di indicazione geografica protetta. Questi si differenziano dai limoni della vicina costiera amalfitana per le diverse modalità di coltivazione e per proprietà organolettiche differenti. Non solo limoni, perché la cittadina della costiera è ricca di luoghi magici da visitare, vediamoli insieme.

Museo Correale a Sorrento

Il Museo ha sede in quella che fu la residenza settecentesca, la Villa alla Rota, dei Correale, conti di Terranova. Il maestoso edificio fu donato dai fratelli Alfredo e Pompeo Correale alla città di Sorrento unitamente alle collezioni familiari di arte pittorica e decorativa. Questo ha portato poi a farne un museo aperto al pubblico. Il Museo fu inaugurato nel 1924 e si articola in 24 sale in cui sono esposti reperti greci, romani e medioevali, arredi del XVII e XVIII secolo, porcellane, etc. Di rilievo, la bella collezione di mobili e oggetti dell’artigianato locale della tarsia, il nucleo dei dipinti napoletani e stranieri, del XVII-XVIII secolo, e quelli dei paesaggisti della cosiddetta “Scuola di Posillipo”, alcune edizioni delle opere di Torquato Tasso. Il tutto è circondato da un bellissimo giardino che circonda il palazzo e la terrazza- belvedere che da sul Golfo di Napoli.

Piazza Tasso a Sorrento

Piazza Tasso è la piazza principale di Sorrento, cuore pulsante della città e attraversata dalla famosa Corso Italia, strada principale. In origine, la piazza era chiamata Largo del Castello in virtù del castello fattovi costruire da Ferdinando d’Aragona nel XV secolo. Con la trasformazione urbanistica operata nel XIX secolo che segnò la scomparsa del castello la piazza assunse il suo aspetto attuale. Intitolata al più illustre cittadino di Sorrento, Torquato Tasso, al quale è dedicato anche un monumento, opera dello scultore Gennaro Calì, la piazza è ornata dalla statua di Sant’Antonino Abate, patrono della città. Tra gli edifici che circondano la piazza, spiccano la casa Correale con un bel cortile maiolicato, la chiesa di Santa Maria del Carmine con la sua ricca facciata barocca e Grand Hotel Vittoria, famoso per aver ospitato nel 1921 il grande Enrico Caruso. Presente una terrazza che si affaccia su una stretta gola tufacea attraversata da una stradina che conduce alla Marina Piccola.

Duomo di Sorrento

Riedificata nel XV secolo in stile romanico su un antico luogo di culto, la cattedrale dedicata ai Santi Filippo e Giacomo è molto amata dalla popolazione. Questa nel corso del tempo è stata oggetto di vari interventi di restauro che ne hanno mutato completamente l’aspetto, fino al rifacimento della facciata nel 1924.  L’interno a croce latina e tre navate, è ornato nei soffitti da tele barocche di Oronzo e Nicola Malinconio e di Giacomo del Po, e conserva opere di grande valore. Nella prima cappella, oltre al battistero nel quale fu battezzato Torquato Tasso, si trova un magnifico rilievo marmoreo del Redentore del 1522 incorniciato da dodici formelle trecentesche. Nella navata centrale si possono ammirare il trono arcivescovile e un pulpito impreziosito da una “Madonna col Bambino e i due San Giovanni” di Silvestro Buono risalenti al Cinquecento. Infine, nella Cappella del Santissimo Sacramento, un pregevole Crocifisso ligneo del ‘400 sovrasta l’altare seicentesco con putti laterali di bottega di Domenico Antonio Vaccaro. A pochi metri dal Duomo, sul Corso Italia, si affaccia il rosso campanile a cinque piani, con l’orologio in ceramica realizzato nel Settecento.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009