A Ostia, fra scavi archeologici e spiagge

Di , scritto il 27 Gennaio 2011

Ostia è una circoscrizione del Comune di Roma ed è collegata alla capitale anche con la Ferrovia Roma-Lido, una metropolitana che ha come capolinea la stazione attigua alla Piramide ostiense.  Tale mezzo pubblico, prima di terminare a Ostia Lido, effettua anche una fermata agli scavi di Ostia antica, importantissimo sito archeologico che merita sicuramente molta attenzione da parte dei turisti: tale antica città nel suo periodo migliore aveva circa 50.000 abitanti, era un centro cosmopolita e le evidenze archeologiche in essa rinvenute e ben conservate sono estremamente importanti.

In genere i turisti che accedono all’area archeologica seguono il percorso dell’antico Decumano Massimo e si soffermano a vedere gli edifici più importanti (il teatro, il capitolium, le terme di Nettuno con gli splendidi mosaici in bianco e nero ecc.). Tuttavia moltissimo si trova anche nelle tante vie minori (le terme dei cosiddetti sette sapienti, i numerosi mitrei, la Domus di Amore e Psiche e via discorrendo). Altrettanto interessante il Museo nel recinto degli scavi (statue, mosaici ecc.), fra l’altro poco distante da un edificio adibito a ristoro e servizi.

Nei dintorni del sito di Ostia antica si trovano altri interessanti mète per comprendere più a fondo la storia della zona di Ostia: il porto di Claudio e il porto di Traiano, creati quando il porto commerciale di Ostium iniziò a essere trascurato per problemi di navigazione. Sono poi interessanti sia la Necropoli di Porto all’Isola Sacra e, facendo un salto avanti nel tempo, il borghetto medievale creato intorno al castello di Giulio II, sempre a Ostia antica.

Ma bisogna anche parlare della città moderna: Ostia Lido nasce all’inizio del Novecento grazie anche all’intervento dei più importanti architetti del tempo, che progettarono gli stabilimenti balneari ed altri edifici come il Palazzo della posta, l’edificio comunale e altri immobili. L’importanza di Ostia Lido crebbe fino agli anni ’30 ed ebbe poi un ritorno di fiamma negli anni del secondo dopoguerra, quando fu celebrata in tanti film emblematici del periodo (per esempio, Una domenica d’agosto) e anche in alcune canzoni (per esempio, Una rotonda sul mare di Fred Bongusto). Divenne inoltre emblema della Dolce Vita romana, attirando VIP di importanza internazionale.

Oggi Ostia Lido è un’importante attrattiva balneare per coloro che visitano la capitale e vogliono vedere ‘la spiaggia di Roma’. Del resto, è vicinissima a Fiumicino ed è situata a soli 8 chilometri dal quartiere EUR. Il suo porto turistico è in pieno sviluppo e le spiagge sono ben curate, con lunghi tratti di spiaggia libera. Le Dune di Capocotta sono uno dei punti più belli dal punto di vista naturalistico, perché circondate da vegetazione fittissima; l’area, che da qualche decennio è attentamente tutelata, offre strutture e servizi di qualità, pur mantenendo il carattere di spiaggia libera.

alpav

Per chi vuole saperne di più:
Scavi di Ostia antica
Ostia Lido

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “A Ostia, fra scavi archeologici e spiagge”
  1. […] Per fare qualche esempio di danni al sistema ambientale, si può far riferimento ai casi di Populonia (in provincia di Grosseto) dove gli etruschi accumularono grandissime quantità di scorie derivanti dalla lavorazione di minerali ferrosi. Oppure il cosiddetto Monte dei Cocci (al Testaccio, Roma) che è il risultato di secolari accumulazioni di anfore non più utilizzabili e di altri rifiuti (lo vedete nella foto in alto). O anche i tanti strati di conchiglie che si vedono in vari siti fenici e punici (sostanzialmente si trattava delle discariche conseguenti alla produzione della porpora). In compenso non buttavano l’urina che era utile a produrre ammoniaca per la pulizia dei panni e altro. E siti per tale trasformazione si possono vedere anche a Pompei e Ostia antica. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009