Villa Wolkonsky: l’esclusiva residenza dell’ambasciatore inglese a Roma

Di , scritto il 24 Ottobre 2012

Se qualcuno tra i nostri lettori avrà la fortuna di essere invitato per un evento speciale a Villa Wolkonsky, la residenza ufficiale dell’ambasciatore inglese a Roma, si troverà in un’oasi di pace che nessuno si aspetta nel cuore pulsante di Roma. Il complesso è infatti situato su un terreno di vari ettari che si estende sulla collina dell’Esquilino, all’interno delle Mura Aureliane, con vista sulla Basilica di San Giovanni in Laterano. All’interno, alberi secolari e fiori dai profumi intensi, fontane, tombe romane e i resti dell’acquedotto Claudio costruito nel 52 d.C. nel parco privato più esteso della capitale.

Intensa e variegata la storia del complesso: a metà dell’800 fu scelto dalla moglie di un attendente dello zar Alessandro I per trasformare una tenuta agricola in un salotto a cielo aperto per gli intellettuali di passaggio a Roma. Poi il giardino fu acquistato nel 1922 dal governo di Berlino e ne fa la residenza dell’ambasciatore tedesco in Italia e durante l’occupazione diventa la sede del comando generale nazista comandato da Kappler. Alla fine della guerra il governo italiano mette la villa a disposizione del governo britannico, che la acquista nel 1951.

Oggi il giardino è in fase di restauro all’insegna dell’ecosostenibilità, con riciclo dell’acqua, compostaggio ed energie rinnovabili. Qui prospera l’olmo più antico di Roma e altri antichi esemplari di specie rarissime di origine tropicale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009