Alla scoperta del mondo: chi non ha visto Granada, non ha visto nulla

Di , scritto il 20 Gennaio 2009

alhambra_granada.jpgGranada è una delle città più grandi e fiorenti, sia dal punto di vista economico che culturale, di tutta la regione andalusa. Si trova ai piedi della Sierra Nevada e proprio la sua posizione fa sì che il clima sia secco, in quanto questo massiccio montuoso impedisce al mare di mitigare il clima. Ne risultano inverni freddi ed estati molto calde, con una grande escursione termica tra il giorno e la notte.

Granada, con la sua storia e ricchezza di monumenti che ricordano il suo glorioso passato, affascina i numerosi turisti ed è stata nominata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Vide il suo periodo di massimo splendore durante la dominazione araba, quando era rinomata per il commercio di pietre preziose, pelli e armi. Rimangono molto chiare le tracce lasciate anche dai romani e dalla cultura iberica. Un detto spagnolo dice: “Chi non ha visto Granada, non ha visto nulla”.

Effettivamente questo museo a cielo aperto merita di essere visitato e gustato fino in fondo, apprezzandone ogni sfaccettatura, dai bellissimi palazzi con giardini incantati agli eventi culturali, fino alla movimentata vita notturna che anima i tanti locali presenti. Il simbolo della città di Granada è la Alhambra, risalente al periodo della dominazione islamica, palazzo dei sovrani costituito da tre parti: l’Alcazaba, residenza fortificata, la Casa Reale con gli stupendi giardini e la parte alta dell’Alhambra che era il quartiere artigiano.

L’Alhambra si raggiunge facendo una bella passeggiata partendo dal centro storico e incamminandosi verso la collina rossa; la stessa strada permette di arrivare anche al Generalife, costruito nel XIII secolo come residenza estiva dei sovrani arabi. La fortezza dell’Alhambra aveva ben 300 torri, quattro delle quali permettono ancora l’ingresso nella cinta muraria. Una volta entrati si rimane sbalorditi dalla maestosità e la magnificenza di questo luogo: è tutto un susseguirsi di cortili, giardini, fontane e ruscelletti che rendono l’atmosfera veramente magica.

Anche l’interno dei palazzi è straordinario in quanto si possono ammirare delle belle sale affrescate con decorazioni arabescate; alcune sono state modificate dai re cristiani, ma la struttura nel suo insieme ha mantenuto l’architettura originale in completo stile arabo. In seguito al passaggio sotto l’egemonia dei sovrani cristiani, re Carlo V si fece costruire all’interno dell’Alhambra il suo Palazzo, in stile rinascimentale, che si scorge non appena si oltrepassa la porta dell’ingresso principale; oggi questo edificio è sede del Museo dell’Alhambra e di quello delle Belle Arti.

L’altra bellissima costruzione che si trova proprio sopra all’Alhambra è il Generalife, la residenza estiva dei sultani, famosa soprattutto per i suoi magnifici giardini. Questi sono sicuramente i monumenti più interessanti da visitare a Granada ma ovviamente c’è molto di più da vedere; essendo una città di moderate dimensioni ci si può spostare agevolmente a piedi avendo pertanto la possibilità di apprezzare nel migliore dei modi ogni angolo e scorcio caratteristico di questa affascinante città.

Un quartiere suggestivo è l’Albaycin, risalente sempre al periodo della dominazione islamica, particolare per le strette vie che si snodano tra alberi, cortili con terrazze e balconi fioriti e stagni. Oltre il quartiere islamico si trova il Sacromonte dove un tempo furono scavate delle grotte che a lungo furono abitate dai gitani. Oggi è diventato un altro di quegli angoli di Granada da non perdersi assolutamente in quanto queste grotte sono state trasformate in negozi, dove si può trovare l’artigianato tipico, e in locali dove si canta e si ballano le danze folcloristiche, ovvero il flamenco e la zambra gitana.

Granada è una città poliedrica e oltre ai suoi mille monumenti, che appunto le hanno valso l’appellativo di museo a cielo aperto, è multiculturale, grazie alla presenza di una prestigiosa università frequentata anche da numerosi studenti stranieri grazie ai progetti di scambio, come l’Erasmus. Le manifestazioni culturali sono sempre numerose e durante l’arco dell’anno ospita il festival del cinema, concerti, spettacoli teatrali e mostre d’arte. Tutto questo fa sì che la città sia costantemente affollata da turisti in cerca di emozioni uniche.


1 commento su “Alla scoperta del mondo: chi non ha visto Granada, non ha visto nulla”
  1. […] può dedicare una giornata intera alla visita della splendida città ai piedi della Sierra Nevada: Granada. Sarà necessario partire la mattina presto e percorrere un tragitto di circa 2 ore in autobus. La […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009