Che cosa vedere in Val di Vara (provincia de La Spezia)

Di , scritto il 14 Luglio 2021
Val di Vara

La Val di Vara è una zona della Liguria occidentale che si estende dai confini con il Piemonte e l’Emilia Romagna, fin quasi alla costa, dove appunto il fiume Vara, che dà il nome alla Valle, si unisce al fiume Magra e sfocia nel Tirreno. Si tratta di una valle geograficamente piuttosto estesa, ma al tempo stesso con una bassa densità di popolazione. La zona più vicina al mare è chiamata Bassa Val di Vara, la parte più lontana è invece chiamata Alta Val di Vara.

Calice al Cornoviglio è un comune della Bassa Val di Vara che vantare la presenza del pregevole Castello Doria-Malaspina. Nel secolo scorso, durante le fasi più cruente della Seconda Guerra Mondiale, divenne un punto chiave della resistenza partigiana. All’interno suddetto del Castello è possibile visitare la Pinacoteca dedicata a David Beghè, celebre pittore paesaggista nato a Calice e un museo dedicato all’apicoltura.

La visita continua con il piccolo comune di Borghetto di Vara che si incontra sulla via Aurelia e che è un po’ la “porta” della Val di Vara (anche se la Bassa Val di Vara comincia già diversi chilometri più a sud con Calice e molti altri paesini). Qui colpisce la vista è il Campanile di San Giovanni che svetta da solo nella variopinta via del centro storico. I bombardamenti della II Guerra Mondiale hanno infatti distrutto la Chiesa omonima, ma non il suo campanile che oggi costituisce un curioso unicum.

Pur essendo una frazione di Varese Ligure, San Pietro Vara e la bellezza del suo piccolo centro storico meritano uno spazio separato e indipendente. La Chiesa di San Pietro, così sobria al suo esterno e così sfarzosa all’interno è la più antica di tutta la Valle.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009