Selva di Val Gardena: vacanze straordinarie in ogni stagione

Di , scritto il 11 Ottobre 2021

Che si tratti di una settimana bianca o di una vacanza estiva, sarà difficile rimanere delusi da quanto ha da offrire Selva di Val Gardena, il comune situato più in alto nell’omonima valle della provincia di Bolzano (1563 metri s.l.m.), in uno scenario incantevole circondato dalle Dolomiti, proprio sotto il gruppo Sella e il Sassolungo, che superano entrambi i 3000 metri di altitudine. Selva ha da offrire una straordinaria combinazione di modernità/efficienza e tradizione/relax. Una vacanza qui è adatta tanto per gli sportivi quanto per i semplici appassionati di camminate tonificanti su sentieri paesaggistici alpini che offrono vedute caratterizzate da un continuo alternarsi di valli, pendii soleggiati e ripide pareti rocciose.

Vista la stagione fredda in cui stiamo entrando il nostro consiglio è di prenotare un hotel a Selva di Val Gardena per una settimana bianca. Non è un caso che questa sia in assoluto una delle località sciistiche più amate nella regione, tanto per i professionisti quanto per i principianti. Tutta la Val Gardena rientra nell’enorme comprensorio chiamato “Dolomiti Superski” che offre un totale di 1200 km di piste di ogni livello di difficoltà. Il percorso sciistico più famoso di tutti è la Sellaronda: provatelo, sarà indimenticabile.

Anche chi è appassionato di sci di fondo trova piste con tutti i crismi, e lo stesso si può dire per gli amanti dello snowboard, che possono divertirsi un mondo nel celebre “ski safari” della Sellaronda. Ma la cittadina ha da offrire anche hotel con tutti i confort, ristoranti di prim’ordine, locali e discoteche a iosa, per una vita notturna spensierata e ricca di stimoli.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009