Sant’Agata dei Goti: una meta da non perdere nelle terre del Sannio

Di , scritto il 11 Giugno 2021
Sant'Agata dei Goti

In provincia di Benevento sorge il borgo di Sant’Agata dei Goti. A circa 159 metri sul livello del mare è definito anche “la perla del Sannio”. Infatti si tratta di un paesino millenario che conserva arte, cultura e tradizione. È la terra delle mele annurche, del vino pregiato e dei tartufi neri.

Sant’Agata dei Goti è costituita sostanzialmente da due parti: una costruita recentemente, più moderna e attuale, l’altra che risale ai tempi dei romani. Quest’ultima è costruita su una rocca di tufo che cade a strapiombo sui fiumi Martorano e Riello scolpita come fosse un presepe. Ricca di chiese e monumenti antichi tra questi c’è la medioevale Chiesa dell’Annunziata. Costruita nel 1200 apre le sue porte attraverso un portale marmoreo cinquecentesco che presenta nel bassorilievo la storia dell’Annunciazione di Annibale Caccavello. All’interno, tra gli affreschi, si trova il Giudizio Universale del ‘400.

Di fronte alla Chiesa di San Menna, si ammira il Castello di Sant’Agata che un tempo aveva una funzione difensiva. È un edificio in tufo e si presenta con un aspetto massiccio e un po’ tozzo. Fondato dai longobardi, il castello è stato abitato nel tempo da numerose famiglie nobiliari. Oggi è suddiviso in più ambienti, oramai tutti privati, e quello che resta di un tempo lo si può ammirare nel salone principale, come alcuni residui di pittura a opera di Tommaso Giaquinto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009