Il Salar de Uyuni: lo specchio più grande del mondo, in Bolivia

Di , scritto il 10 Ottobre 2011

Il Salar de Uyuni (anche noto come Salar de Tunupa), con i suoi 12.000 km² di estensione è la più vasta distesa salata del pianeta. Nato dal parziale prosciugamento di un enorme lago preistorico da cui sono nati due laghi e due deserti salati, è situato a un’altitudine di ben 3650 nelle ande meridionali della Bolivia ed è considerato una delle più stupefacenti meraviglie naturali del mondo.

Dopo la pioggia, quando il fondo salato è coperto di acqua diventa un enorme specchio. Il letto del lago è formato da ben 11 strati di sale, di spessore variabile dai 2 ai 10 metri. La crosta superficiale per esempio è profonda 10 metri, ma il sale si trova scavando fino a 120 metri. Questo significa che il lago contiene 10.000 milioni di tonnellate di sale, di cui circa 25.000 vengono estratte ogni anno. La distesa è anche un’enorme riserva di minerali come litio, potassio, magnesio e boro. Il metodo tradizionale di estrazione consiste nel formare dei mucchi di sale da cui l’acqua deve evaporare completamente prima che possa iniziare il trasporto. Alcune particolari costruzioni nei dintorni del lago sono costituite da blocchi di sale essiccato.

Nonostante le difficoltà per raggiungerlo (è possibile soltanto viaggiare in moto o su speciali fuoristrada protetti dal sale), Il Salar de Uyuni costituisce un’importantissima attrazione turistica (a pagamento).

A questo punto, basta con le parole: lasciamo parlare le immagini.


1 commento su “Il Salar de Uyuni: lo specchio più grande del mondo, in Bolivia”
  1. […] chi visita il Salar de Uyuni in Bolivia una tappa obbligata è la cittadina di Potosí, inserita nel patrimonio […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009