Vitorchiano: la “città grigia” del Lazio

Di , scritto il 06 Maggio 2021
Vitorchiano

Vitorchiano si trova ai piedi dei Monti Cimini, fuori Viterbo, ed è adagiato su un banco di roccia magmatica (chiamata “peperino”) fratturato da massi enormi. Questa città del Lazio fonda le sue attività sull’estrazione e lavorazione di questa roccia il cui colore grigio caratterizza tutto il borgo. Sotto il borgo, scorre il Fosso Acqua Fredda affluente del Fiume Vezza. Il centro storico è caratterizzato da piazzette suggestive, archetti e bellissimi scorci panoramici.

Le attrazioni di Vitorchiano

Le mura di Vitorchiano delimitano a sud il borgo antico. Edificate intorno al 1200 si estendono per circa 250 metri e sono interrotte da torri a base quadrata. Nel lato est e quello ovest invece sono delimitate da due torroni cilindrici. Nella torre centrale si apre Porta Romana che è l’unico ingresso al centro medievale del paese. La caratteristica di queste mura, oltre al fatto di essere di peperino, è quella di presentarsi orlate di merli a forcella con barbacani e feritoie. Altra caratteristica di questo borgo sono i profferli, ovvero scale esterne che portano a una sorta di balcone da cui si accede all’abitazione. Il balcone è sostenuto da un arco a sesto ribassato.

Piazzale Umberto I si apre subito dopo Porta Romana ed è il punto d’incontro tra la nuova e l’antica Vitorchiano. La piazza risulta ricca di monumenti quali il campanile della Chiesa della Trinità o di Sant’Amanzio. Invece l’ex chiesa di San Giovanni Battista (risalente al XVI secolo) viene utilizzata come luogo di ritrovo per diverse iniziative culturali.

Gli amanti dei fiori e delle piante non possono perdersi una visita anche al Centro Botanico Moutan. Questo giardino contiene oltre 250.000 piante, tra cui la collezione di peonie arboree ed erbacee più rara e ampia al mondo. Presso Vitorchiano, inoltre, si trova il Parco dei Mostri di Bomarzo che può essere abbinato in un unico itinerario alla visita del Moai. Il Moai è una gigantesca statua lavorata in peperino alta sei metri ed è una riproduzione dei monoliti dalle sembianze umane che si trovano sull’isola di Pasqua.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009