Consigli di viaggio per chi si reca in Ucraina

Di , scritto il 24 Novembre 2017

di Giuseppe Correra – Blogger / Food marketer dall’Ucraina

L’Ucraina è un paese splendido, uno straordinario mix di etnie, dominazioni e culture susseguitesi nei secoli e che, insieme alla storie narrate da grandi scrittori che qui hanno avuto i natali, viene esplorato in maniera speciale in decine e decine di musei dislocati in vari punti del Paese. L’Ucraina è poi anche gastronomia, allegria e folklore, una nazione accogliente e sincera. In questo articolo ti racconto racconto perché vale la pena di visitarla con serenità – e lo posso dire perché è “la mia seconda patria”, dopo circa 10 anni di permanenza….

L’Ucraina non è quel che si pensa!
Se guardiamo alla descrizione che solitamente viene fatta dell’Ucraina, tra guerra, rivoluzione e disastro di Chernobyl, non sorprende che il paese non sia tra le destinazioni preferite dai vacanzieri. Eppure chi la visita ha modo di ricredersi, perché apprezza la splendida natura, la ricca storia, l’accoglienza della popolazione locale. Destinazioni come Kyiv (Kiev), Lviv (Leopoli), Odessa e le montagne dei Carpazi sono sicure per ogni tipo di viaggiatore e/o visitatore (si trovano nella parte nord, ovest e sud del Paese). Non ci sono restrizioni per visitare questi luoghi e tante altre zone dell’Ucraina. Meglio invece evitare di visitare le regioni di Crimea, Donetsk e Luhansk, ovvero la parte est.

Familiarizzare con una cultura completamente diversa!
La sorpresa comincerà sicuramente appena arrivato in Ucraina: l’alfabeto cirillico! Eh sì, passando dall’Europa centrale all’Ucraina, il primo grande cambiamento che si nota riguarda la scrittura. Ma si tratta solo di una difficoltà apparente, poiché sarà una gioia scoprire le tradizioni folkloristiche e culturali in un quadro estremamente ospitale. Per scoprire le caratteristiche dell’anima slava e l’accoglienza locale basta andare in un ristorante o in un bar. Sarà difficile passare una serata (specie in ambiente rurale) senza che il vicino di tavola, il gestore, o una persona incontrata nel corso della giornata non ti invitino a prendere una bevanda insieme, per fare amicizia, per conoscersi o per puro senso dell’ospitalità. Il tuo ospite prevederà probabilmente delle porzioni quattro volte più grandi del normale, che ti toccherà ingurgitare con pazienza! Gli ucraini sono fatti così!

Qual è il miglior periodo per visitare l’Ucraina?
Scegli i mesi più caldi, a meno che tu non voglia sciare sui Carpazi! Il periodo migliore in assoluto per scoprire l’Ucraina è la primavera: il clima è piacevole e i paesaggi sono in fiore. I mesi di settembre e ottobre sono altrettanto gradevoli. I mesi di luglio e agosto sono caldi ma le spiagge sono affollate, perciò possono essere preferibili le stagioni di mezzo. L’inverno ha il suo fascino ma è davvero freddo: ti ho avvertito! Preferisci il resto dell’anno e scegli l’inverno solo per una settimana bianca. Al di fuori dell’inverno concediti una vacanza tra castelli e palazzi dell’Ucraina (ne abbiamo parlato qui). Tra aprile e ottobre non trascurare le riserve naturali, ricchissime di flora e fauna. Sui Carpazi potrai visitare le foreste vergini, nonché ammirare aquile e cicogne nella Riserva Naturale di Karadag e tantissimi uccelli nella Riserva della biosfera del Delta del Danubio.

Il denaro in Ucraina
La moneta che si utilizza in Ucraina sono le Hryvnia (in italiano Grivnia – l’abbreviazione ufficiale è UAH). Un euro equivale più o meno a 32 Grivnie, ma considera che il tasso di cambio è instabile e fluttuante e che l’Ucraina continua a subire una significativa svalutazione della sua moneta. Informati bene sul tasso di cambio prima di partire. Troverai diversi uffici di cambio sul luogo, dove potrai cambiare i tuoi euro a tassi vantaggiosi e in genere senza commissioni. Evita però gli uffici di cambio negli aeroporti e nelle stazioni, perché praticano tassi molto alti. La carta di credito resta in ogni caso la soluzione più pratica per pagare, anche se le commissioni richieste dalla banca potrebbero essere molto elevate. In ogni caso, sempre più esercizi accettano e apprezzano la valuta straniera, come il dollaro statunitense o l’euro, in quanto maggiormente stabili.

Se l’Ucraina offre a prima vista prezzi decisamente inferiori a quelli dell’Italia, bisogna comunque considerare l’ambito di cui si parla: una camera in famiglia, il cibo nei negozio, i prodotti di uso quotidiano, i biglietti per i musei e i trasporti (inclusi i taxi) sono in genere da due a tre volte più economici che in Italia. Al contrario, gli hotel delle grandi città possono talvolta presentare prezzi non equi – soprattutto a Kyiv. Tuttavia l’Ucraina offre tantissimi piccoli alberghi, pensioni e stanze in famiglia, a prezzi molto vantaggiosi. Non avrai problemi a trovare una stanza per soli dieci euro – soprattutto nelle piccole città e in campagna, oppure nelle periferie delle metropoli.

Ristorazione a buon prezzo
L’Ucraina conta innumerevoli ristoranti tipici nonché mense e self-service che offrono menù completi di zuppa, insalata, piatto principale e bevanda per circa 5 euro. Li troverai ovunque, nelle grandi città come nei villaggi più piccoli. Le bevande alcoliche prodotte in Ucraina presentano allo stesso modo prezzi assai concorrenziali, che si tratti di una birra a un euro o di una bottiglia di vodka. I ristoranti di lusso e quelli di cucina straniera si avvicinano maggiormente ai prezzi standard dell’Europa Occidentale. Delle specialità da non perdere abbiamo parlato qui.

Cosa mettere in valigia quando si parte per l’Ucraina
Il clima dell’Ucraina è marcatamente continentale. Le estati sono torride e gli inverni gelidi. Il clima delle stagioni di mezzo è difficile da prevedere. Ti consiglio vestiti leggeri e chiari per un viaggio in piena estate (senza dimenticare gli abiti per la pioggia come un k-way o un poncho, poiché i temporali serali sono piuttosto frequenti) e tutte le gradazioni intermedie nelle altre stagioni, fino a un abbigliamento adatto ad affrontare le temperature invernali sotto lo zero. Consiglio anche l’acquisto di un piccolo dizionario Italiano-Ucraino o Italiano-Russo nonché un manuale che elenchi il lessico di base. Infine, un blocco per gli appunti dove annotare le tue impressioni che – ne sono sicuro – saranno sicuramente positive.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloTravel.it – Guida su viaggi e vacanze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009